Circa 2.000 ai sit-in alle sedi Rai per le cure domiciliari Covid

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 giu. (askanews) - Circa duemila persone aderenti all'Unione per le Cure e i Diritti e le Libertà, associazione di cittadini a supporto del Comitato Cura Domiciliare Covid 19, hanno preso parte ieri a un presidio simultaneo all'esterno delle sedi regionali Rai. A Roma, in particolare, oltre duecento coloro che hanno accompagnato il presidente dell'associazione Erich Grimaldi in viale Mazzini, dove una lettera già anticipata via posta certificata è stata consegnata alla presidenza Rai, per chiedere conto dell'omessa trattazione del tema delle cure domiciliari precoci da parte della televisione pubblica. In diverse delle sedi regionali capiredattore e giornalisti hanno raggiunto i referenti dell'associazione, per comprendere il motivo del presidio e intervistare loro e i rappresentanti dell'associazione e del Comitato Cura Domiciliare Covid-19.

"Un segnale che ci lascia ben sperare sul futuro", ha dichiarato Erich Grimaldi, "perché il servizio pubblico, proprio nella sua declinazione naturale, dovrebbe garantire la libera informazione e raccontare agli italiani ogni singolo aspetto rilevante", e certamente "il lavoro dei medici del nostro gruppo lo è stato e continua ad esserlo". Nonostante i ripetuti inviti e comunicati stampa inviati dal Comitato Cura Domiciliare Covid-19 infatti, al netto di mezzo milione di iscritti al gruppo Facebook di supporto, "non vi è stata alcuna copertura mediatica da parte delle trasmissioni Rai nazionali, tg ed approfondimenti, sull'attività del nostro gruppo o sulle cure domiciliari in generale", ha proseguito Grimaldi, "così come sul dialogo tra il nostro Comitato e le istituzioni, sull'incontro con il sottosegretario Sileri, sul voto dell'8 aprile scorso con cui il Senato ha chiesto al Governo l'impegno per l'avvio di un tavolo di lavoro con i nostri medici e neppure", ha aggiunto il presidente, "rispetto a tutte le battaglie in Tribunale che abbiamo portato avanti e vinto, rispetto alle stesse cure". Inoltre, "quando si è parlato delle nuove linee guida licenziate dal Ministero della Salute, perché non è stato fatto cenno sempre del voto del Senato?". Infine, ha concluso l'avvocato Grimaldi, "anche rispetto alla vaccino vigilanza attiva e passiva la televisione pubblica non sta dando alcuna indicazione, fondamentale per la ricerca volta a migliorare la stessa campagna vaccinale, così come sul consenso informato che andrebbe spiegato ai cittadini", tralasciando, "l'omessa informazione sulle oltre 15 mila persone che hanno partecipato alle nostre conferenze nazionali a Milano e Roma".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli