Circa 8mila voli cancellati tra vigilia Natale e Santo Stefano

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 dic. (askanews) - Circa 8mila voli sono stati cancellati in tutto il mondo tra la vigilia di Natale e il giorno di Santo Stefano a causa della carenza di personale delle compagnie aeree determinata dall'impennata di casi di Covid-19.

Secondo il sito di monitoraggio dei voli FlightAware.com, circa 3mila dei voli cancellati erano in entrata o in uscita dagli Stati Uniti, dove la variante Omicron - caratterizzata da un'altissima trasmissibilità - sta causando un brusco aumento dei contagi.

Il conteggio del sito Web ha messo in evidenza che 14.269 voli hanno subito ritardi il giorno di Santo Stefano e 3.099 sono stati cancellati: di questi, 1.369 erano negli Stati Uniti. Alle 5 del mattino di ieri erano già stati cancellati 1.457 voli in tutto il mondo, 417 dei quali da, per o all'interno degli Stati Uniti. Un totale di 1.403 aveva subito ritardi.

Il periodo di Natale è in genere di massimo traffico per i viaggi, ma quest'anno ha coinciso con la rapida diffusione della variante Omicron, che ha portato molte compagnie aeree a cancellare i voli visto che molti piloti ed equipaggi di cabina sono stati costretti ad autoisolarsi per contatti con positivi.

I contagi sono aumentati bruscamente in molte parti degli Stati Uniti, con il Dipartimento della salute dello stato di New York che ha avvertito di aver registrato un "sorprendente" aumento di quattro volte dei ricoveri ospedalieri da Covid-19 per le persone sotto i 18 anni dalla settimana iniziata il 5 dicembre.

Un funzionario della Casa Bianca, che ha chiesto di non essere nominato, ha affermato che malgrado i disagi in alcuni aeroporti "siamo in una situazione migliore rispetto allo scorso Natale" e ha osservato che "soltanto una piccola percentuale dei voli è interessata".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli