Circuiva incapaci per impossessarsi dei beni, arrestata a Reggio Calabria

Red/Cro/Bla

Roma, 24 ott. (askanews) - I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria hanno arrestato una donna (M.D., 59 anni), insegnante di religione, accusata di circonvenzione di sei persone incapaci, attraverso riti esoterici, per impadronirsi di tutti i loro beni.

Il provvidemento di custodia cautelare in carcere è stato emesso dal Gip del Tribunale di Reggio Calabria - su proposta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria coordinata dal Procuratore Capo, Giovanni Bombardieri e grazie ad indagini, anche di natura tecnica, coordinate dal procuratore aggiunto Gerardo Dominijanni, e dirette dai sostituti procuratori, Roberto Di Palma e Angelo Gaglioti, e condotte dalle Fiamme Gialle di Reggio Calabria.

La donna arrestata, originaria di Reggio Calabria ma residente a Messina, oltre ad avere nella propria disponibilità diversi immobili sia in Calabria, sia in Sicilia, era un'assidua frequentatrice di opere caritatevoli, mense dei poveri, chiese, soggiorni della Caritas e case di riposo, dove trovava le sue vittime.