Ciriaco De Mita attacca Salvini: “Politica è pensiero, non arroganza”

ciriaco-de-mita

Sulla crisi di governo attualmente in corso arriva il parere anche di un grande vecchio della politica italiana: Ciriaco De Mita, che ne ha approfittato anche per attaccarne il principale fautore, Matteo Salvini. Il 91enne ex Presidente del Consiglio ed attuale sindaco di Nusco, suo paese natale in provincia di Avellino, ha infatti detto la sua sull’operato del ministro dell’Interno e sulle ipotesi di una maggioranza alternativa tra M5s e Pd.

Ciriaco De Mita attacca Salvini

Tramite una diretta Facebook registrata dalla figlia Antonia, De Mita si è espresso in termini non proprio lusinghieri nei confronti del leader della Lega, affermando: “Si deve ritirare. La politica è pensiero, non arroganza, promesse e volgarità. Ha passato un anno e mezzo ad andare in giro invece di stare al ministero. Per fare promesse, minacciare, cantare e farsi flash”.

Parlando invece degli attuali accordi in corso tra Pd e M5s al fine di riuscire a formare un nuovo governo, l’ex esponente della Democrazia Cristiana ha dichiarato come i pentastellati debbano abbandonare l’idealismo che li contraddistingue per recuperare concretezza: “Se i 5 Stelle hanno capito in quest’anno di governo che i desideri non bastano per risolvere le questioni, il Pd invece accumulava desideri sfuggendo però alle domande reali del Paese. L’accordo è possibile se i due partiti recuperano intelligenza e umiltà. Se succede, possono fare il bene dell’Italia”.

Parole di stima vengono però rivolte nei confronti del Presidente della Repubblica ed’ex compagno di partito Sergio Mattarella, del quale De Mita dice: “È un personaggio d’altri tempi con un grande senso di responsabilità. Avrei dato però più tempo per la formazione del governo. Va verificata la volontà delle forze politiche in questione di mettersi insieme e affrontare tutte le difficoltà”.

La risposta di Matteo Salvini

A pochi minuti dalle critiche di De Mita, non si è fatta attendere la replica di Matteo Salvini. Sul proprio profilo Twitter, il vicepremier ha commentato: “Se De Mita mi attacca come ministro incapace, vuol dire che ho lavorato bene!”.