Cirio: percorso su autonomia non proposto da governo, ma imposto

Asa

Milano, 3 dic. (askanews) - "Abbiamo condiviso nella scorsa Conferenza il percorso che è stato non proposto, ma imposto dal governo, perché noi non abbiamo dato un via libera a quella procedura, ma ci è stato detto che l'unico modo che il governo intendeva per dare il via all'autonomia differenziata era quello di inserirlo nella Legge quadro". Lo ha detto il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, a margine di un convegno organizzato da Italia Direzione Nord.

"Abbiamo preso atto di questa posizione, però abbiamo con chiarezza sottolineato e ribadito, con forza e determinazione, che - ha aggiunto Cirio - se questa legge quadro vuole essere un elemento per rinviare sine die l'attuazione dell'autonomia, noi evidentemente non ci staremo".

"Noi non arretriamo di un millimetro, anzi abbiamo rilanciato. Siamo stati eletti a giugno, il 9 agosto abbiamo approvato questa integrazione a 23 materie. Dopo agosto il Consiglio regionale ha iniziato a trattarla - ha concluso - ed entro qualche settimana sarà operativa, così si incardinerà la trattativa Piemonte-Stato in attuazione, non di un disegno politico, ma della Costituzione italiana".