Ciro Grillo: gli avvocati pensano a una strategia aggressiva

·2 minuto per la lettura
caso grillo legali giovani
caso grillo legali giovani

I legali di Ciro Grillo, figlio del leader del M5S Beppe Grillo starebbero pensando i pubblicare il video del rapporto sessuale che dimostrerebbe come la giovane italo-svedese fosse consenziente, smontando il presunto caso di violenza sessuale dell’accusa.

Caso Grillo, la strategia dei legali dei giovani

Ci sarebbero aggiornamenti sul caso Grillo secondo quanto riporta Il Fatto Quotidiano, gli avvocati dei giovani accusati di violenza sessuale ora vorrebbero rendere pubblico il video che dimostrerebbe come Silvia, la giovane italo-svedese, fosse consenziente.

Più nello specifico, alcuni familiari di Ciro Grillo, Francesco Corsiglia, Edoardo Capitta e Vittorio Lauria avrebbero chiesto di modificare o quantomeno ridiscutere la strategia comunicativa attuata finora, pensando a un contrattacco più efficace per mostrare l’innocenza dei giovani accusati di violenza sessuale.

Caso Grillo, video dalla doppia interpretazione

Questa ipotesi verrà vagliata dagli avvocati difensori nella giornata di lunedì 26 aprile. Ricordiamo che il video sarebbe oggetto di due opposte interpretazioni: da un lato l’accusa ritiene che il video certifichi l’atto sessuale come prova di una violenza ai danni della ragazza. Per la difesa, invece, certificherebbe l’innocenza dei giovani, data dal consenso che la ragazza avrebbe dato prima del rapporto sessuale che si è consumato a Porto Cervo nel 2019.

Al momento i legali ribadiscono come il processo vada condotto in aula e non tramite appelli o dichiarazioni in tv o tramite mezzi stampa. Inoltre, sono consapevoli del fatto che ulteriori dichiarazioni o scelte non ponderate potrebbero incidere a livello comunicativo e strategico sul buon esito della causa.

Il video di Facebook in cui Beppe Grillo difende a spada tratta il figlio ha messo in difficoltà il Movimento 5 Stelle e per molti avrebbe prodotto delle interferenze significative, cambiando così le carte in tavola a livello giudiziario.

Sotto l’aspetto comunicativo quindi al momento i legali cercano di lavoare sotto traccia, evitando che il loro lavoro possa essere compromesso da uscite esterne.