Citofonata Salvini, procura Bologna chiede archiviazione: famiglia si oppone

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

E' arrivata in tribunale la 'citofonata di Salvini'. Il pm di Bologna, Roberto Ceroni, ha chiesto l'archiviazione nei confronti del leader della Lega per il reato di diffamazione aggravata, in concorso con un'altra persona, la residente che gli aveva segnalato il campanello a cui suonare. La citofonata risale al periodo della campagna elettorale per le regionali in Emilia Romagna: Salvini aveva suonato una famiglia del quartiere Pilastro, dove si riteneva abitassero degli spacciatori. A rispondere era stato il figlio ora maggiorenne.

Secondo il magistrato, non sussisterebbero "elementi di prova sufficienti a sostenere l'accusa in giudizio" perché non c'è un solo momento identificabile, in cui Salvini e la residente che ha segnalato il caso, si siano riferiti in modo esplicito alla famiglia che ha presentato querela e il tutto si è verificato "nell'esercizio del diritto di critica e di cronaca", anche alla luce del fatto che poi effettivamente la coppia è stata arrestata per spaccio.

A presentare querela era stata appunto la famiglia che ricevette la citofonata del leader della Lega. Contro la decisione di archiviazione ha presentato opposizione il legale della famiglia, l'avvocato Filomena Chiarelli. Nel gennaio di quest'anno, i genitori del ragazzino che rispose al citofono all'ex ministro sono stati arrestati perché trovati in possesso di hashish e marijuana, oltre a soldi falsi e proiettili.