Città in lutto per la scomparsa della leader 54enne della Ottaviani Spa, donna di profonda fede

·1 minuto per la lettura
Paola Ottaviani
Paola Ottaviani

È morta a Recanati, nelle Marche, Paola Ottaviani, l’addio della città all’imprenditrice dei gioielli ha il sapore dello strazio per la scomparsa di una donna in gamba e sensibile al contempo. Città leopardiana e territorio intero sono in lutto per la scomparsa della leader 54enne della Ottaviani Spa, azienda leader nella produzione di gioielli e oggetti in metallo prezioso.

Morta Paola Ottaviani, aveva fatto di Recanati “un gioiello” non solo icona di letteratura

Il Resto del Carlino spiega che la donna lascia la figlia Alessandra e che assieme al fratello Marco ed alla sorella Laura, Paola era stata una vera pioniera nelle innovazioni del settore che avevano condotto l’azienda ai vertici.

Ecco come la Ottaviani Spa ha ricordato Paola, morta dopo averla portata da Recanati fino ai vertici del settore

Proprio la Ottaviani ha voluto ricordare, assieme a moltissimi amici sui social, la sua Ad: “Paola, donna di fede, ha sempre trasmesso i suoi valori cattolici ovunque fosse, nel lavoro e nella vita. Con la sua gioia di vivere, ma al tempo stesso con il suo cuore e il tanto amore che sapeva donare, ha sempre, con tanta umiltà e riservatezza, saputo essere presente nella vita di coloro che incontrava”.

I funerali di Paola Ottaviani, morta stamattina, si terranno sabato primo gennaio a Recanati

E ancora: “Cantore alla corale regionale dell’Associazione laicale cattolica Rinnovamento nello Spirito Santo, Paola ha guidato negli ultimi anni la comunità del Rns di Recanati facendo parte del direttivo pastorale”. La camera ardente sarà allestita oggi, 30 dicembre, nella sala del commiato Bamo. Il funerale dell’imprenditrice si terrà sabato primo gennaio 2020 alle 10, nella cattedrale cittadina di San Flaviano.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli