Città Olio: bene emendamento su turismo olio in legge bilancio -2-

Red/Apa

Roma, 17 dic. (askanews) - Per i produttori delle Città dell'Olio l'approvazione delle disposizioni già in essere per l'enoturismo, rappresenta una grande opportunità, un incentivo concreto per strutturare un'offerta turistica integrata legata anche alle piccole produzioni. Secondo la definizione contenuta nell'emendamento stesso, le attività di "oleoturismo" sono tutte quelle di conoscenza dell'olio d'oliva espletate nel luogo di produzione, e consistono: nelle visite nei luoghi di coltura, di produzione o di esposizione degli strumenti utili alla coltivazione dell'ulivo; nella degustazione e nella commercializzazione delle produzioni aziendali dell'olio d'oliva, anche in abbinamento ad altri alimenti; in iniziative a carattere didattico e ricreativo nell'ambito dei luoghi di coltivazione e produzione.

Entrando nel merito dell'emendamento, dal 1° gennaio 2020, le disposizioni di cui all'art. 1, commi da 502 a 505 della legge n. 205 del 2017 (legge di bilancio 2018) - relative all'attività di enoturismo si applicano anche alle attività di "oleoturismo". La disciplina richiamata prevede, l'estensione ai produttori agricoli che svolgono attività di enoturismo della determinazione forfetaria del reddito imponibile, ai fini IRPEF, con un coefficiente di redditività del 25 per cento e, a talune condizioni, un regime forfettario dell'IVA.