Citta' dei Motori. MauTo, Mengozzi "Un asset molto importante"

Redazione

"Citta' dei motori dell'Anci consente di lavorare a livello nazionale sullo sviluppo del potenziale di questo settore. E' esattamente quello che serve, perche' l'automobile e' una parte della nostra storia personale, ma anche una parte della storia del nostro Paese, e puo' diventare un asset ancora piu' importante anche a livello economico". Mariella Mengozzi e' da quasi tre anni la direttrice del Museo dell'auto di Torino, l'unico al mondo dove si possa ammirare l'intera evoluzione della storia delle quattro ruote a motore, la collezione infatti parte dalle vetture di fine '800 e si conclude con le ultime avveniristiche elettriche, i prototipi e le innovazioni dei centri stile e di ricerca che scelgono spesso il Mauto per esporle in anteprima. Nonostante l'ampiezza della collezione, racconta pero' solo un pezzo della motorizzazione italiana e mondiale. Un racconto che si snoda in ogni regione italiana, tra due e quattro ruote, tra presente e futuro.

"Quando dirigevo il museo Ferrari di Maranello, venne lanciato il concept della Motor Valley in Emilia.

Credo che Torino debba dialogare con loro, e viceversa, e che questo coinvolgimento vada allargato anche al museo Alfa Romeo di Arese, cosi' come alle collezioni private di auto che esistono in tutt'Italia. Grazie a Citta' dei motori dell'Anci questo insieme di eccellenze viene messo a sistema". Un lavoro che riguarda il piano nazionale, ma l'Anci con Citta' dei motori contribuisce anche in ambito locale. "Torino e' entrata in questo progetto tre anni fa.

Qui e in Piemonte c'e' un tessuto vivo di aziende che si occupano di automobili. Sperimentano e quotidianamente si interfacciano con tutti i carmaker del mondo, da Fca ai grandi gruppi emergenti cinesi. C'e' tanto da raccontare. Ci sono i grandi brand storici come Pininfarina e Italdesign continuano a lavorare a pieno ritmo.

Marchi globali come Sabelt e Sparco, leader riconosciuti per gli accessori sportivi continuano a fare innovazione. Ci sono poi soggetti nuovi come la Tuc, che ha appena presentato il suo concetto di vettura del futuro basato sulla piattaforma Meb di Volkswagen, la piu' innovativa per le auto elettriche. E poi c'e' Icona, un centro stile che lavora in tre continenti frutto dell'alleanza di due aziende torinesi come Cecomp e Autocad. La Mat che sta realizzando l'auto elettrica piu' potente di sempre.

Non mancano gli spunti".


Tanta ricchezza che puo' essere valorizzata ancora meglio gestendo un progetto nazionale come Citta' dei motori dell'Anci, secondo Mengozzi. "Assolutamente. Va creato un maggiore coinvolgimento di tutta la citta', a cominciare dalla politica.

Torino ha un'opportunita' unica: puo' sviluppare un'offerta culturale e turistica trasversale, che ruoti attorno all'auto e ai milioni di appassionati nel mondo. Abbiamo il museo del cinema alla Mole, la settima arte convive sempre con le automobili.

Cinema e motori si devono parlare. Lo stesso vale per i percorsi enogastronomici, cibo e automobili sono passioni che si "parlano", quando lavoravo al Museo Ferrari dopo le rosse si passava al lambrusco. Un settore importante per l'Italia com'e' la moda, e' molto legato alla storia dell'auto, ecco perche' ritengo che Citta' dei Motori dell'Anci sia una grande opportunita'". Cinema, moda, cibo e motori. Settori diversi che potrebbero giocare di squadra.

"Dobbiamo recuperare la nostra identita' di Paese dei motori, all'estero le nostre auto sono le piu' ammirate. Noi siamo pronti a fare la nostra parte, offrendo oltre al Mauto anche la rete di rapporti con gli stakeholder e alcune idee.


Penso ad esempio al centro stile di Torino Design, che si e' appena trasferito a Villa Gualino, ma anche i rapporti con tutti i grandi collezionisti, con la Mille Miglia. Bisogna portare gli appassionati da loro, e farla diventare un'opportunita' anche economica, non dimentichiamolo. Citta' dei Motori e' lo strumento giusto".

(ITALPRESS).

jp/tvi/red


Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.