Civibank: Del Piero, 'soci storici freddi su Sparkasse, solo 3% ha aderito a opa'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 22 apr. (Adnkronos) – ''La risposta della base associativa di CiviBank è molto distante da quanto si percepisce ascoltando la comunicazione martellante di Sparkasse. Ad oggi solo il 3% dei soci storici ha dato la sua adesione all’Opa, il restante 97% rimane freddo rispetto alle lusinghe del gruppo altoatesino, la cui partecipazione è numericamente sostenuta perlopiù dalla quota propria di azioni, circa il 17%, e dalle preadesioni dei soci istituzionali, circa il 21%''. Lo afferma in una dichiarazione Michela Del Piero, Presidente dell’Istituto friulano.

''La perplessità dei nostri soci ‒ chiarisce Del Piero ‒ è del tutto comprensibile per una serie di motivi molto evidenti. Innanzitutto CiviBank gode di ottima salute, non corre il rischio di essere “asfaltata” da nessuno. Non a caso, Sparkasse è interessata alla nostra realtà esattamente perché siamo una banca solida, con indici patrimoniali superiori a quelli di Sparkasse stessa, e con ottime prospettive di crescita nel futuro. Per questo non è corretto dare per inevitabile una perdita di valore delle azioni CiviBank nel futuro: se la prospettiva è di crescita, è lecito immaginare che anche l’azione cresca di valore''.

Secondo Del Piero ''Vendere ora al valore proposto da Sparkasse comporterebbe una minusvalenza per la maggior parte dei soci, in particolare quelli di vecchia data. In secondo luogo se anche il teorema Sparkasse fosse corretto, ossia che la loro entrata come controllante di CiviBank porterebbe più efficienza ed economie di scala, anche in questo caso le azioni potrebbero guadagnare valore nei prossimi anni, e dunque vendere oggi sarebbe un errore''.

''Quello che Sparkasse propone effettivamente ai soci è di vendere in perdita facendosi da parte. Vendere oggi infatti ‒ conclude Del Piero ‒ significa non far più parte dell’azionariato e tantomeno del futuro progetto Sparkasse che, da parte sua, si troverebbe invece a incassare subito 180 milioni di euro, corrispondenti alla differenza tra il prezzo offerto e il valore contabile del patrimonio. Non è un’operazione fatta per il bene del territorio, e non è un’operazione che difende l’idea di Banca che abbiamo noi di CiviBank. Sono sicura che i nostri soci lo abbiano capito fin troppo bene: i loro sacrifici e la loro pazienza andrebbero tutti a favore di Sparkasse, insieme ad eventuali dividendi futuri''.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli