Civiltà cattolica: abusi tra suore, se monastero diventa prigione -4-

Ska
·1 minuto per la lettura

Città del Vaticano, 30 lug. (askanews) - "Nessuno", precisa padre Cucci sul quindicinale diretto da padre Antonio Spadaro, "nega il ruolo e l'importanza dell'opera svolta da tante religiose nel servizio agli ultimi - come, ma solo per restare nel tema, il ministero delle suore scalabriniane sopra ricordato -, e neppure si vuole mettere in un medesimo sacco ogni conduzione e stile dell'autorità negli Ordini femminili. Al contrario, proprio la rilevazione di tali differenti stili può essere di aiuto per promuovere forme di consacrazione sempre più imbevute del vino nuovo dello spirito evangelico. E al tempo stesso per farsi carico della grande sofferenza, a livello affettivo, psicologico e spirituale, che il tradimento di un tale spirito comporta per molte. Giovani che avevano con entusiasmo lasciato tutto per seguire il Signore ora si ritrovano sole, abbandonate e in molti casi disperate, in una situazione di deserto affettivo, relazionale e professionale. Queste anime cadute in trappola a quale ovile appartengono? Chi risponderà al loro grido di aiuto?".