Civiltà cattolica: sproporzionate e eccessive sanzioni Usa a Iran

Ska

Città del Vaticano, 30 gen. (askanews) - "Sebbene tra le parti in causa sia in corso un lento processo di de-escalation della crisi che poche settimane fa aveva portato il Medio Oriente sull'orlo della guerra, un accordo tra Usa e Iran appare per il momento molto lontano. La questione del nucleare e le nuove sanzioni economiche - sproporzionate ed eccessive - comminate dagli Usa rendono per il momento difficile ogni tipo di contatto tra i due Paesi". Così si conclude un articolo di padre Giovanni Sale sulla Civiltà cattolica, quindicinale dei gesuiti stampato con l'imprimatur della Segreteria di Stato vaticana. "Ma con il passare del tempo le sanzioni potrebbero nuocere agli stessi interessi americani, spingendo l'Iran ad arricchire ulteriormente l'uranio al fine di costruirsi la bomba atomica, ma anche a incrementare i numerosi conflitti già in corso in Medio Oriente, costringendo così gli Stati Uniti a potenziare militarmente la propria presenza in quelle regioni, dalle quali, come ripete ossessivamente la propaganda elettorale di Trump, vorrebbero invece ritirarsi".