Classifica costruttori F1 2019, aggiornata al Gp USA

Classifica costruttori F1 2019, aggiornata al Gp USA

Classifica costruttori F1 2019. Siamo giunti alle ultime 2 gare del mondiale F1 2019 ed è giunta l’ora di dare i nostri voti alle squadre che hanno partecipato al mondiale di Formula 1 2019. Il metro di giudizio è lo stesso utilizzato per la classifica dei piloti. Il punteggio andrà da 0 a 10 e sarà basato su come hanno saputo reagire i team durante la stagione. Sia a livello di prestazione dell’auto che come ambiente di squadra, influenzeranno il voto sia gli atteggiamenti positivi che i malumori che i vari team hanno affrontato quest’anno.

Classifica Costruttori F1 2019

L’ ordine rispecchierà le reali posizioni delle scuderie nel campionato.

Mercedes-10 : Il team anglo-tedesco con sede a Brackley è stato il migliore quest’anno. Non perché ha vinto il campionato, conta anche quello ma non è il principale fattore. Il team durante i test invernali aveva sofferto, la macchina non era prestazionale. Aveva subito la Ferrari, tanto è vero che era il team di Maranello il favorito per la vittoria in Australia. In quel mese e mezzo hanno creato una “versione B” della macchina risolvendo i problemi dei test, andando a vincere il Gp d’apertura e le altre gare nel corso dell’anno.

Ferrari-8.5 : Il team di Maranello era chiamato ad una stagione di riscatto, visti i troppi anni di digiuno da titoli e vittorie. Le premesse erano molto positive, talmente positive che nei test era parsa la favorita, sia per i tempi che riusciva a sfornare costantemente ma soprattutto per la facilità di guida evocata dai piloti.

Iniziato il campionato hanno iniziato anche a svanire le premesse positive. La macchina era si veloce ma soffriva di alcuni problemi di “svezzamento” ad esempio la Pole di Leclerc in Bahrain che si stava tramutando nella prima vittoria della carriera per il monegasco prima che il motore lo costrinse al ritiro.

Dopo le vacanze estive la squadra sembra aver trovato il bilanciamento corretto per la macchina, riuscendo a vincere molte gare e ottenendo tante pole position. Resta sempre come nota dolente un problema strategico che non permette ad entrambi i piloti, a volte Sebastian, a volte Charles, di ottenere il massimo in gara.

Red Bull-7 : il team capitanato da Christian Horner si aspettava molto dal nuovo propulsore Honda. I giapponesi hanno fatto enormi passi avanti rispetto al secondo periodo in Mclaren ma nel complesso si sono dimostrati ancora indietro rispetto a Mercedes e Ferrari. Dal punto di vista dei piloti Verstappen ha salvato la scuderia. Gasly non è stato all’altezza di un top team e Albon sembra aver debuttato con il piede giusto.

I team “minori”

Mclaren-6.5 : Il team di Woking ha consolidato la sua quarta posizione dietro ai Top Team. Dimostrando di avere una macchina dotata di un buon telaio, il motore Renault è parso tutto sommato prestazionale e la coppia di piloti ha fatto il resto. In particolare Lando Norris che ha fatto una fantastica prima stagione nel circus della F1. Sainz ha battuto il compagno dimostrandosi il migliore degli “altri”.

Renault-6 : Il team transalpino si aspettava sicuramente una stagione diversa. In primis perché è riuscito a portare alla sua corte il talento di Daniel Ricciardo poi perché si aspettava di essere superiore al team “cliente” Mclaren. Nessuna di queste due cose sono andate a loro favore, la sufficienza funge da sprono per il prossimo anno. Globalmente quest’anno sono stati molto deludenti.

Scuderia Toro Rosso-5.5 : Il team italiano aveva iniziato bene la stagione, soprattutto grazie al talento espresso da Albon, poi passato alla Red Bull. Kvyat ha brillato solamente in Germania e Gasly ha subito la retrocessione. La macchina nel complesso non è stata granché competitiva. Anche loro rimandati al prossimo anno con la speranza di avere una coppia di piloti definitiva ed una macchina più competitiva.

Racing Point-5.5 : Il team ora di proprietà della famiglia Stroll avrebbe dovuto svolgere una stagione competitiva, invece non è riuscito a mostrare competitività. La macchina riusciva a malapena ad arrivare a punti. Lo scontro tra i due piloti è stato imbarazzante. Rimandati al 2020.

Alfa Romeo Racing-5 : La stagione è iniziata bene soprattutto con le prestazioni di Kimi Raikkonen. Lontane le prestazioni dello scorso anno con Leclerc. Nella seconda parte di stagione è venuto fuori anche Giovinazzi. Nel complesso molto deludenti quest’anno.

Haas-3 : All’interno del team l’aria è pesante. I risultati sono la testimonianza. Lontanissimi i tempi e la competitività del debutto nel 2016.

Williams-N.C. : Hanno mantenuto la stessa aerodinamica di Melbourne con alcuni accorgimenti alle ali perché fondamentalmente è l’unica che hanno. Questo team ormai è l’ombra di sé stesso. Dispiace per la storia ed il blasone che questo team possiede. Ci auguriamo che non sia la fine per loro, anche se vedendo l’andamento delle cose sarebbe la cosa più giusta da fare, soprattutto nei confronti del grande Frank che non merita di vedere la propria creatura così in declino.