Clima: Bonelli, 'a Glasgow vince la lobby delle fonti fossili'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 13 nov. (Adnkronos) – "Il documento finale della Cop26, che sta per essere votato nell’assemblea plenaria, sancisce la vittoria dell lobby delle fonti fossili che a Glasgow era la delegazione più numerosa , oltre 500 persone, che frena la transizione ecologica verso una politica energetica rinnovabile e l’azzeramento delle emissioni da CO2, con una campagna negazionista sul clima che ha impiegato oltre un miliardo di dollari ". Lo afferma il co-portavoce nazionale di Europa Verde, Angelo Bonelli.

"La promessa di fermare la deforestazione entro il 2030 -aggiunge- è il simbolo dell’ipocrisia di questa Cop26: il Brasile che, con Bolsonaro, ha sottoscritto questo accordo ha approvato poche settimane fa la legge ‘Marco Temporal’ che prevede la cacciata degli indios dalla foresta amazzonica per avviare lo sfruttamento totale del bioma amazzonico. Contemporaneamente, l’Europa preme per ratificare l’accordo Eu-Mercosur che consentirà la vendita e commercializzazione di prodotti agricoli, carne, legno e minerali provenienti proprio dallo sfruttamento e devastazione delle foreste tropicali del Sud America”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli