Clima, Greenpeace: proteggere foreste e riformare agroalimentare

Rus

Roma, 8 ago. (askanews) - Proteggere le foreste e proporre un nuovo paradigma per il sistema agro-alimentare: secondo il nuovo rapporto dell'Ipcc (Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici) sui cambiamenti climatici e l'uso del suolo, sono queste le soluzioni alla crisi climatica ed ecologica che stiamo affrontando.

"Il suolo e la biodiversità stanno soffrendo una pressione enorme a causa dell'aumento della deforestazione in Amazzonia e degli incendi che proprio in questi giorni stanno devastando Siberia e Indonesia» dichiara Martina Borghi, campagna foreste di Greenpeace Italia. «Questi fenomeni hanno un impatto diretto sulla vita di milioni di persone e sul clima, poiché minacciano la nostra sicurezza alimentare favorendo la desertificazione e il degrado del suolo. Alla luce del nuovo rapporto IPCC, i governi dovranno perciò aggiornare e migliorare i propri piani d'azione per mantenere l'innalzamento delle temperature globali sotto il grado e mezzo".

Dal rapporto dell'IPCC, emerge che dal periodo preindustriale la temperatura sulle terre emerse è già aumentata di 1,53 gradi centigradi. La media globale dell'aumento è di 0,87 tenendo conto della variazione di temperatura sopra gli oceani. Più di un quarto della terra del Pianeta è soggetta al "degrado indotto dall'uomo" e la produzione di bioenergia può rappresentare un pericolo consistente per la sicurezza alimentare e la degradazione del suolo. Il rischio infatti è quello di privarci di preziosi terreni agricoli, spostando piantagioni e pascoli per il bestiame in aree naturali di grande importanza per la conservazione della biodiversità e la salvaguardia del clima, come le foreste.(Segue)