Clima, il Mediterraneo aumenterà fino a 20 centimetri entro il 2050 -2-

Gtu

Roma, 20 ago. (askanews) - Antonio Vecchio - autore dello studio e ricercatore della Radboud University - precisa, inoltre, che "a livello locale le fluttuazioni del livello marino possono contribuire fino al 9% della variazione totale attesa, mentre subsidenza e variabilità nel loro insieme sono responsabili di circa il 15% della variazione del livello del mare". Ad esempio, "nella laguna di Venezia, dove la subsidenza accelera l'effetto dell'aumento del livello marino, si stima che nel 2100 il livello medio del mare sarà più alto rispetto ad oggi tra i 60 e gli 82 cm, nei due scenari climatici".

Le analisi mostrano che gli effetti locali hanno un ruolo rilevante nel calcolo delle proiezioni di aumento di livello marino per diverse zone. "In particolare" - conclude Marco Anzidei - "lungo le coste basse e subsidenti gli aumenti attesi sono in grado di causare una ingressione marina più rapida, cioè il mare tende a sommergere tratti più o meno ampi di costa in maniera più veloce rispetto alle zone non subsidenti. Ciò rappresenta un fattore di rischio per l'ambiente, per le infrastrutture e per le attività umane, come l'erosione e l'aumento dei rischi legati ad inondazioni, mareggiate e maremoti, con le conseguenti perdite economiche". E - avverte il ricercatore - "le istituzioni, a tutti i livelli di governance, devono tenere conto di queste proiezioni perchè sono fondamentali per affrontare in modo più consapevole la gestione delle nostre coste".