Clima, Macron e Xi firmeranno "irreversibilità" accordo di Parigi

Roma, 5 nov. (askanews) - Il presidente francese Emmanuel Macron e l'omologo cinese Xi Jinping firmeranno un accordo in cui sarà espressa "l'irreversibilità" del patto sul clima di Parigi del 2017, da cui gli Usa saranno fuori entro un anno, in base all'iter di ritiro avviato il 4 novembre.

Il presidente francese ha rilanciato la sua iniziativa per la riduzione dell'emissione di gas serra, chiedendo nuovi impegni "collettivi" nel 2020. "Se vogliamo rispettare l'accordo di Parigi, l'anno prossimo dovremo aumentare i nostri impegni di riduzione delle emissioni, e confermare i nuovi impegni per il 2030 e il 2050. La cooperazione tra la Cina e l'Unione europea in questo senso è decisiva".

"I nostri standard e la nostra diplomazia - ha aggiunto Macron - devono porre la lotta per la biodiversità e la lotta contro il riscaldamento globale al centro dell'agenda. E lo dico qui con grande forza e coscienza, perché non è un'agenda che si separerebbe dall'agenda commerciale o economica, è il centro. È ciò che renderà l'agenda economica sostenibile e accettabile per i nostri popoli".

Intanto l'amministrazione Trump ha formalmente notificato alle Nazioni Unite il ritiro dall'accordo di Parigi sul clima, avviando concretamente l'iter di uscita dall'intesa raggiunta nel 2017 per contrastare i cambiamenti climatici. Come precisato dal segretario di Stato americano Mike Pompeo, infatti, il ritiro "entra in vigore un anno dopo la notifica", quindi il 4 novembre 2020, che sarà il giorno in cui l'America eleggerà il nuovo presidente.