Clima: nuovo rapporto Ipcc su oceani e ghiacci, danni in aumento

webinfo@adnkronos.com

I cambiamenti climatici causeranno frequenti inondazioni, innalzamento del livello del mare, grave perdita di ghiacciai e scongelamento del permafrost. E' quanto avverte il nuovo rapporto dell'Ipcc, il comitato scientifico sul clima dell'Onu, dedicato a oceani e ghiacci e diffuso oggi. Le conseguenze saranno peggiori con l'aumento più rapido delle temperature, quindi, secondo il gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, i governi devono adottare misure "urgenti e ambiziose" per ridurre le emissioni. 

In media, il mondo dovrebbe affrontare un aumento del livello del mare di 43 centimetri entro il 2100 considerando lo scenario di riscaldamento globale più basso, rispetto agli 84 centimetri nello scenario peggiore. 

"La scienza ci offre un quadro al contempo agghiacciante e convincente. Gli impatti che le emissioni di carbonio prodotte dall’uomo hanno sui nostri oceani si stanno sviluppando su larga scala e a un ritmo molto più sostenuto rispetto a quanto ci aspettassimo: c’è bisogno quindi di un’azione politica senza precedenti per evitare che il nostro Pianeta subisca conseguenze umane, ambientali ed economiche devastanti" commenta Giorgia Monti, responsabile campagna Mare Greenpeace Italia.  

Gli oceani, insieme alle calotte polari, sono fondamentali per regolare la temperatura del nostro pianeta, oltre ad assorbire il 20-30 per cento del carbonio dall'atmosfera terrestre, gli oceani regolano le piogge (e quindi la disponibilità di acqua potabile e la produzione agricola) e il clima del nostro pianeta. Ai tassi attuali di emissioni, avverte Greenpeace, si calcola però che stiamo scaricando negli oceani un milione di tonnellate di Co2 ogni ora, con conseguenze, come rivela il rapporto dell’Ipcc, devastanti sulla vita marina.