Clima, ripresa da Covid non sostenibile, Co2 crescerà 5% quest’anno

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 20 apr. (askanews) - Le emissioni di CO2 globali aumenteranno di quasi 5% quest'anno, un segnale che la ripresa dalla crisi del COVID-19 sarà "tutt'altro che sostenibile" per il clima, secondo l'Agenzia internazionale per l'energia. La Global Energy Review 2021 dell 'Aie prevede che le emissioni di biossido di carbonio aumenteranno a 33 miliardi di tonnellate quest'anno, 1,5 miliardi in più rispetto al 2020, l'aumento più rilevante su un anno in oltre un decennio. "E' un terribile avvertimento che la ripresa economica dalla crisi del Covid-19 al momento è tutt'altro che sostenibile per il nostro clima" ha detto il direttore esecutivo dell'Aie Fatih Birol, spiegando che il balzo della Co2 quest'anno dovuto in particolare alla ripresa dell'uso del carbone per la generazione di energia, prevista molto forte in Asia.

Lo scorsa anno, quando il consumo di energia crollò a livello globale a causa della pandemia, le emissioni di Co2 diminuirono del 5,8% a 31,5 miliardi di tonnellate, dopo il massimo del 2019 a 33,4 miliardi di tonnellate.

Secondo il rapporto Aie la domanda globale di energia aumenterà del 4,6% quest'anno, trainata dai paesi in via di sviluppo, e supererà i livelli del 2019. La domanda di combustibili fossili è destinata a crescere quest'anno e la richiesta di carbone e gas supererà i liveli del 2019. L'atteso aumento dell'utilizzo del carbone supererà di quasi il 60% l'incremento della richiesta di rinnovabili, che pore segna un'accelerazione. Oltre l'80% dell'aumento della richiesta di carbone proviene ddall'Asia, in particolare dalla Cina. Il ricorso al carbone aumenta anche in Usa e e in Europa, ma resta comunque ben sotto i livelli pre-crisi.