Clonazione: arriva Peng Peng, prima pecora nata con tecnica 'made in China'

Roma, 20 apr. (Adnkronos Salute) - Dopo la celebre Dolly, è la volta di Peng Peng: si chiama così, infatti, la prima pecora al mondo clonata con un metodo semplificato e low cost 'made in China'. Lo annuncia in una nota la Bgi, organizzazione specializzata in genomica, insieme all'Institute of Genetics and Developmental Biology, la Chinese Academy of Sciences e la Shihezi University. L'esemplare è venuto alla luce il 26 marzo scorso nella regione autonoma di Xinjiang Uygur.

"La pecora transgenica è stata chiamata Peng Peng (come i nomi dei due clonatori) e alla nascita pesava 5,4 chili", spiega Yutao Du, direttore del Bgi Ark Biotecnology Co in una nota. "Peng Peng e' sana e si sta sviluppando normalmente". Il progetto è partito due anni fa, e puntava a superare alcuni 'nodi' della clonazione tradizionale - quella di Dolly - a partire dal fatto che solo in un piccolo numero gli embrioni 'ricostruiti' portano alla nascita di animali sani. Ebbene, usando una tecnica innovativa e semplificata, chiamata 'Handmade Cloning', i ricercatori affermano di essere riusciti a ottenere costi più bassi e maggior efficienza. Le modificazioni genetiche realizzate, inoltre, possono portare a una miglior qualità della carne della pecora, dal momento che l'obiettivo è quello di aumentare il contenuto di benefici acidi grassi insaturi, affermano i ricercatori.

Il team è partito da alcune cellule di una pecora Merino, "e ora i passaggi più difficili sono stati superati: siamo pronti alla produzione su scala industriale", dice Du. Peng Peng andrà a far compagnia agli altri animali dello zoo di cloni prodotti da Bgi, fra cui alcuni mini e micro-maialini transgenici. "Mi aspetto altre grandi scoperte in questo campo molto presto", conclude Du.

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno