Cluster nell'ospedale di Treviglio: almeno 9 casi positivi

·2 minuto per la lettura
coronavirus rimini nuovo focolaio
coronavirus rimini nuovo focolaio

Nel reparto di Cardiologia dell’ospedale di Treviglio si è sviluppato un focolaio di coronavirus, diagnosticato dopo che tre pazienti ricoverati avevano manifestato i primi sintomi dell’infezione. Dalle analisi a tappeto è emerso che sei tra medici e infermieri hanno contratto il virus e sono asintomatici.

Focolaio all’ospedale di Treviglio

L’allarme è scoppiato martedì 27 ottobre quando un paziente ha iniziato ad avere difficoltà respiratoria e ad altri due è venuta la febbre. I medici li hanno così sottoposti ad un test rapido che ha rilevato la presenza del virus (nonostante il primo tampone effettuato prima del ricovero avesse dato esito negativo). Di qui la chiusura temporanea e la sanificazione del reparto, durata 12 ore, e l’inizio della verifica su tutti i dipendenti e gli altri degenti. Questi ultimi sono tutti risultati negativi mentre si è riscontrato che un dottore e cinque tra infermieri e operatori socio sanitari avevano contratto l’infezione.

Il sospetto è che il focolaio sia nato all’esterno della struttura sanitaria. Per accertarne l’origine l’azienda sanitaria competente istituirà comunque una commissione di verifica. In una nota ha infatti spiegato che alcuni operatori nelle ultime due settimane avevano avuto contatti extra ospedalieri con soggetti poi rivelatisi positivi. Alcuni di loro sono afferenti all’unità di cardiologia e pertanto erano stati sostituiti da altre equipe per non impattare sull’assistenza ai pazienti.

I contatti non lavorativi sembrano essere all’origine di questi recenti fenomeni“, hanno ribadito i vertici. Per quanto riguarda la situazione complessiva dell’Asst di Bergamo Ovest, i posti letto occupati a mercoledì 28 ottobre erano 28 a Romano (+3 rispetto al giorno precedente) e 32 a Treviglio (+10). Entro dieci giorni si prevede la messa a disposizione di oltre 200 postazioni tra i due ospedali con la possibilità di salire successivamente a 300.