Cluster scoppiato dopo una gita

·2 minuto per la lettura
Tamponi
Tamponi

Scoppiato un focolaio al campus a Petriolo, dopo la gita al parco acquatico. Al momento risultano 80 positivi e 340 persone in quarantena. La situazione è degenerata dopo alcune gite effettuate la scorsa settimana.

Focolaio al campus a Petriolo dopo alcune gite

Il numero dei positivi a Petriolo sta continuando ad aumentare. Il report della Regione segnava 340 persone in quarantena, su 1.881 abitanti, e 80 positivi. I soggetti in isolamento sono stati suddivisi in tre cluster, riconducibili alla gita al parco acquatico avvenuta il 20 luglio, alla gita al mare avvenuta il 21 luglio e a quella in montagna del 22 luglio. Nella giornata di oggi, 30 luglio, a partire dalle 8.30 sono iniziati i tamponi molecolari per il primo gruppo, in automobile presso il distretto sanitario di Macerata, in largo Raffaello Sanzio. Nella giornata di domani, 31 luglio, alla stessa ora, toccherà al secondo gruppo, mentre il terzo gruppo si dovrà sottoporre al tampone domenica mattina.

Focolaio al campus a Petriolo: le parole del sindaco

La situazione sta diventando particolarmente pesante e preoccupante. Il focolaio è scoppiato in un campus di Petriolo, successivamente a tre gite in piscina, al mare e in montagna. “Ai fini di un’essenziale e imprescindibile chiarimento rispetto alle norme da seguire imposte dall’Asur Marche, si porta a conoscenza dei cittadini sottoposti a quarantena (per cui la stessa Asur sta provvedendo alla comunicazione ai diretti interessati) che è fatto assoluto divieto di uscire dalla propria abitazione anche nel caso in cui il primo tampone già fatto abbia dato esito negativo” ha comunicato il sindaco Matteo Santinelli. Di conseguenza, anche le persone che hanno avuto un esito negativo del tampone avranno il divieto assoluto di uscire dalla propria abitazione e dovranno sottoporsi a quarantena.

Focolaio al campus a Petriolo: l’imposizione del sindaco

Dopo la notizia del focolaio al campus a Petriolo, il sindaco Santinelli è subito intervenuto, spiegando che anche le persone che hanno avuto un esito negativo per il primo tampone dovranno sottoporsi a quarantena ed evitare di uscire dalla propria abitazione. “Si rimarca ancora una volta che il rispetto di tale imposizione, oltre che un obbligo etico civile e morale, è altresì un’imposizione di legge e il mancato rispetto è punito sia sotto il profilo amministrativo che penale. Le forze dell’ordine hanno piena facoltà di applicare delle sanzioni per chi sia sorpreso ad allontanarsi dalla propria dimora, benché sottoposto a quarantena” ha dichiarato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli