CnhI, Scurati (Lega): si apra tavolo su tutto piano industriale

Red-Alp

Milano, 2 ott. (askanews) - "Dal 2021 a Pregnana Milanese non rimarranno più attività e questo avrà un impatto sull'occupazione di più di 300 lavoratori, 260 a tempo indeterminato e più di 40 delle società di appalto. L'azienda ha deciso di aprire un confronto sui singoli stabilimenti mentre mi associo alla richiesta dei sindacati affinché si apra un tavolo complessivo sul piano industriale, perché il punto di confronto non può essere sulla gestione degli effetti sociali ma sul piano stesso. Da consigliere regionale del territorio e conoscendo anche molti lavoratori che saranno coinvolti dalla paventata riorganizzazione seguirò attentamente la vicenda e sono vicina a tutte le famiglie. Come ha sempre fatto, una volta che sarà pervenuta tutta la documentazione, Regione Lombardia attiverà tutti gli strumenti possibili per affrontare la situazione in maniera concreta. Auspichiamo un intervento deciso anche da parte del Governo, visto che queste situazioni sono purtroppo sempre più frequenti". E' quanto ha dichiarato la consigliera regionale lombarda della Lega, Silvia Scurati che questa mattina ha portato la sua solidarietà al presidio dei sindacati davanti allo stabilimento di Pregnana Milanese (Milano) della Cnh Industrial che ha annunciato un piano di riorganizzazione che prevede la dismissione e la conseguente chiusura di questo impianto che produce macchine per l'agricoltura e mezzi pesanti.