Coca Cola ritirata dal commercio: possibile presenza di filamenti di vetro

Coca Cola ritirata commercio

Una parte delle bottiglie di Coca Cola è stata ritirata dal commercio: ad annunciarlo un comunicato del Ministero della Salute che indica i lotti interessati e le motivazioni. L’avviso è datato 17 febbraio 2020 ma è stato reso pubblico soltanto il giorno dopo.

Coca Cola ritirata dal commercio

Il richiamo ministeriale riguarda in particolare le bottiglie di Coca Cola in vetro piccole da 20cl vendute in confezioni da sei ciascuna. Si tratta soltanto di quelle prodotte nello stabilimento di Nogara, situato in provincia di Verona. In totale sono otto i lotti interessati dall’avviso, tutti ritirati con la stessa identica motivazione.

Questa non riguarda, come spesso accade, la presenza di batteri, bensì di corpi esterni. Alcune bottiglie potrebbero nella fattispecie contenere filamenti di vetro che potrebbero causare danni fisici ai consumatori. Costoro sono pertanto invitati a controllare il numero indicato sul collo della bottiglia e verificare se corrisponda a quello del lotto ritirato. Se così fosse non deve assolutamente consumare la bevanda bensì rivolgersi al numero verde 800.534.934 che provvederà alla sostituzione.

In particolare le confezioni colpite dal richiamo del Ministero della Salute sono sette riguardanti la Coca Cola Original Taste e uno la Coca Cola Zero Zuccheri. Queste hanno riportato i seguenti numeri:

  • L200107 con data di scadenza fissata al 6-01-2021
  • L200108 con data di scadeza fissata al 7-1-2021
  • L191220 con data di scadenza fissata al 19-12-2020
  • L191221 con data di scadenza fissata al 20-12-2020
  • L200109 con data di scadenza fissata al 8-1-2021
  • L191218 con data di scadenza fissata al 17-12-2020
  • L191219 con data di scadenza fissata al 18-12-2020
  • Coca Cola zero Zuccheri L200109 con data di scadenza fissata al 10-7-2020.