Cocaina in auto, 43enne fermato a Modena

cocaina in auto

Un 43enne di origini calabresi è stato fermato dalla Polizia Stradale per un controllo di routine all’altezza di Modena nord, lungo l’autostrada A1. Gli agenti però si sono trovati di fronte ad uno spettacolo completamente inaspettato: nell’auto c’erano il figlioletto di cinque anni e ben sedici chili di cocaina destinata al mercato milanese per un valore totale di 3 milioni di euro. Il bambino è stato affidato temporaneamente alla polizia sino all’arrivo della madre, tempestivamente informata dell’accaduto.

Cocaina in auto, fermato un uomo

Nel corso del controllo, gli agenti si sono imbattuti in un doppio fondo sotto il sedile all’interno del quale era nascosto il carico di droga, a pochi centimetri dal bambino di 5 anni, figlio dell’uomo. Immediatamente sono scattate le manette per lo spacciatore, portato via dagli uomini della stradale di Modena. La perquisizione ha rivelato al presenza di un meccanismo in grado di occultare l’accesso ad alcuni vani dell’auto, utilizzato proprio per nascondere gli stupefacenti.

Droga destinata a Milano

Come riferito dalla Polizia Stradale, “in manette è finito un calabrese residente a Milano, città verso la quale era certamente destinata la droga. L’uomo risulta disoccupato e l’intuito degli agenti ha consentito di individuare il corriere di arrestarlo“. L’auto è stata fermata all’altezza dell’area di parcheggio di Castelfranco Emilia sulla A1. Il bambino, secondo gli agenti, è stato usato come “copertura” per eludere eventuali controlli. A seguito dell’arresto del padre è stato affidato alle cure della madre.