Codacons contro 365 Days: "Netflix tolga il film"

webinfo@adnkronos.com

Il Codacons chiede l'immediata rimozione dalla piattaforma di streaming Netflix del film '365 days', pellicola polacca del 2020, tra le più viste sulla piattaforma. Il motivo? La pellicola "tocca temi estremamente seri, ma lo fa in modo inaccettabile -spiega il Codacons- banalizzando la violenza, lo stupro e il rapimento. Non vogliamo parlare della qualità del prodotto (fortemente discussa anche da pubblico e critica) ma dei temi che il film affronta". 

Il film tratto dal primo libro della trilogia erotica della scrittrice polacca Blanka Lipinska, tra thriller e sesso estremo racconta la storia di un uomo, Massimo, e di una giovane donna di nome Laura, che l’uomo rapisce costringendola a stare con lui un anno, 365 giorni, appunto, per innamorarsi di lui.  

L'intera storia "è una mancanza di rispetto inaccettabile verso la condizione della donna, verso tutte le vittime di violenza, di rapimento e di violenza sessuale, e verso l'intero genere umano -afferma il Presidente del Codacons Marco Donzelli- Ci uniamo all'appello lanciato dalla cantante Duffy, permettere la trasmissione di questo film è negligente e pericoloso, oltre che fortemente irrispettoso. Chiediamo dunque l'immediata rimozione del film dalla piattaforma." 

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.