Codacons: Roma senza pace, bus contro albero e metro chiusa

Red/Apa

Roma, 16 ott. (askanews) - "Non c'è pace per gli utenti del trasporto pubblico della capitale, sempre più tartassati da incidenti e disservizi vari che nella migliore delle ipotesi creano disagi, mentre nella peggiore mettono a rischio l'incolumità dei cittadini". Lo afferma il Codacons, commentando quanto avvenuto oggi a Roma, dove un bus si è schiantato contro un albero su Via Cassia mentre la stazione metro Furio Camillo è stata chiusa al pubblico per problemi alle scale mobili.

"I passeggeri presenti sull'autobus coinvolto nell'incidente odierno hanno diritto ad ottenere il risarcimento dei danni anche in assenza di lesioni, e solo per i rischi corsi e la paura e lo stress subiti - spiega il presidente Carlo Rienzi - In tal senso il Codacons si mette a disposizione dei viaggiatori presenti sul bus per avviare nei confronti dell'Atac le dovute azioni risarcitorie. Si tratta infatti di un incidente grave che avrebbe potuto avere conseguenze tragiche, e sul quale la magistratura dovrà fare chiarezza, accertando le cause del sinistro e le relative responsabilità. Invitiamo tutti gli interessati ad inviare una mail all'indirizzo info@codacons.it per ottenere informazione e assistenza sulla richiesta di indennizzo all'azienda. Di fronte al disastro dei trasporti pubblici della capitale, crediamo farebbe bene la sindaca Raggi a dimettersi", conclude Rienzi.