Codice rosso, Fedeli(Pd): donne che denunciano vannno tutelate

Lsa

Roma, 17 lug. (askanews) - "Se il 'Codice Rosso' è un provvedimento che, come sostiene la stessa ministra Bongiorno, porta in 'serie A' il reato di violenza sulle donne, perché allora non accogliere quei due, tre emendamenti migliorativi presentati dalle opposizioni che hanno esattamente l'obiettivo di trattare questo reato con gli strumenti indispensabili per contrastarlo davvero?". Lo ha detto la senatrice Pd, capogruppo in commissione diritti umani, Valeria Fedeli, durante il dibattito in Aula sul provvedimento.

"Quindi, puntare non solo sull'inasprimento delle pene, necessario ma non sufficiente. Occorre anche - ha riferito Fedeli - da un lato, rimuoverne le cause attraverso la prevenzione, dall'altro investire sulle competenze, le specializzazioni di chi deve accogliere, sostenere, accompagnare le donne che denunciano".

Fedeli si è quindi rivolta al senatore leghista Simone Pillon, sostenendo che "è inaccettabile che di fronte a una denuncia la priorità sia accertarsi che la donna stia dicendo la verità. Le donne che denunciano, che hanno il coraggio di farlo spesso in situazioni economiche, lavorative difficilissime, che hanno dei figli, vanno innanzitutto credute!".