Codogno, riapre il Pronto Soccorso: c'è un caso sospetto

(AP Photo/Luca Bruno)

Ad oltre tre mesi di distanza il Pronto Soccorso di Codogno riapre le porte ai pazienti. E’ un giorno da ricordare per il paese del Lodigiano nel quale, a febbraio, fu diagnosticato il primo caso assoluto di coronavirus sul territorio italiano.

La struttura, chiusa tra il 20 ed il 21 febbraio, è stata riaperta in presenza del direttore generale della ASST di Lodi Massimo Lombardo, del il primario del Pronto Soccorso Stefano Paglia e il sindaco del paese Francesco Passerini.

Non è stata tanta l’attesa per il ritorno al lavoro, infatti fin dalle prime ore dalla riapertura il Pronto Soccorso è tornato a funzionare regolarmente accogliendo i pazienti in arrivo. Tra questi, come riporta il Corriere della Sera, ci sarebbe anche un caso sospetto di coronavirus che, arrivato in struttura, è stato subito trattato con le precauzioni del caso. Secondo quanto trapela infatti il paziente è stato instradato su un percorso dedicato che lo isola dagli altri malati.

GUARDA IL VIDEO - Polemica aperitivo da Visit Valsugana