Coldiretti: apertura serale per i ristoranti vale 80% fatturato

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 2 feb. (askanews) - La possibilità di apertura serale a cena vale l'80% del fatturato di ristoranti, pizzerie ed agriturismi, provati dalle restrizioni imposte dalla pandemia. Ad oggi, le chiusure forzate imposte alla ristorazione hanno travolto anche interi settori dell'agroalimentare italiano, con vino e cibi invenduti per un valore stimato in 9,6 miliardi nel 2020. Lo sottolineano il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini, e il consigliere delegato di Filiera Italia, Luigi Scordamaglia, commentando le parole del viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, secondo cui "con il progredire della vaccinazione devono riaprire i ristoranti anche la sera".

Secondo Coldiretti e Filiera Italia sarebbe pertanto fondamentale consentire, esclusivamente ai ristoranti che si trovano nelle zone gialle e che dimostrano di rispettare i rigidi requisiti previsti, l'apertura serale fino all'orario di inizio coprifuoco, anche alla luce delle importanti misure di sicurezza adottata, quali il distanziamento dei posti a sedere facilmente verificabile, il numero strettamente limitato e controllabile di accessi, la registrazione dei nominativi di ogni singolo cliente ammesso.

Con questa possibilità limitata ai soli locali di ristorazione con servizio al tavolo - concludono Coldiretti e Filiera Italia - si coniugherebbero tutela della salute dei cittadini e ripresa dell'attività economica e lavorativa dell'intera filiera agroalimentare italiana, cui sono collegati circa 4 milioni di lavoratori.