Coldiretti: con Covid crollo negozi ma bene mercati contadini

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 22 feb. (askanews) - In controtendenza alle drammatiche chiusure di negozi nelle citta' è boom per i mercati contadini con quasi 1200 realtà aperte che contribuiscono a mantenere vivo il tessuto economico e sociale nelle aree urbane. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati della Fondazione Campagna Amica a dieci anni dall'istituzione dei primi mercati con un sistema di regole più restrittivo rispetto alla legislazione nazionale da cui ha preso vita una rete presente in modo capillare in tutto il Paese. La crisi provocata dalla pandemia come evidenziato da Confcommercio - sottolinea la Coldiretti - sta portando alla chiusura di molti negozi tradizionali che oltre ad effetti su redditi e lavoro determina un impatto negativo con la riduzione dei servizi di prossimità, ma anche un indebolimento del sistema relazionale, dell'intelaiatura sociale e spesso anche della stessa sicurezza sociale.

Un andamento contrastato solo - precisa la Coldiretti - dalle aperture dei nuovi mercati degli agricoltori di Campagna Amica che sempre piu' frequentemente trovano spazio nei centri delle città. Secondo l'indagine Coldiretti/Ixe' gli acquisti nei mercati del contadino sono risultati in crescita del 26% nel 2020, trainati da una nuova sensibilità degli italiani verso i cibi salutari ma anche dalla volontà di recuperare un contatto diretto con chi coltiva i prodotti che si portano in tavola, nonostante le limitazioni imposte dalla pandemia. A spingere la spesa nei farmers market dall'agricoltore è soprattutto la possibilità di trovare prodotti stagionali, a km zero e di qualità direttamente dagli agricoltori.

Una rete che - continua la Coldiretti - ha svolto un ruolo positivo garantendo gli approvvigionamenti alimentari anche alle fasce piu' deboli della popolazione come gli anziani, grazie anche all'attivazione di servizi a domicilio. Senza dimenticare l'impegno per la solidarietà attraverso l'iniziativa la spesa sospesa nei mercati di Campagna Amica: nel 2020 sono oltre 5 milioni i chili di prodotti tipici Made in Italy, a chilometri zero e di altissima qualità distribuiti gratuitamente dagli agricoltori della Coldiretti per garantire un pasto di qualità ai più bisognosi di fronte alla crescente emergenza provocata dalla pandemia Covid.

Un risultato reso possibile dal fatto che l'Italia è l'unico Paese al mondo che può contare su una unica rete organizzata Campagna Amica che mette a disposizione delle famiglie mercati contadini a livello nazionale sia all'aperto che al chiuso con una varietà di prodotti che - spiega la Coldiretti - vanno dalla frutta alla verdura di stagione, dal pesce alla carne, dall'olio al vino, dal pane alla pizza, dai formaggi fino ai fiori. Nei mercati dei contadini di Campagna Amica - conclude la Coldiretti - è anche possibile anche trovare specialità del passato a rischio di estinzione che sono state salvate grazie all'importante azione di recupero degli agricoltori e che non trovano spazi nei normali canali di vendita dove prevalgono rigidi criteri dettati dalla necessità di standardizzazione e di grandi quantità offerte.