Coldiretti: maltempo ha dimezzato produzione dell'olio lombardo

Red-Alp

Milano, 2 ott. (askanews) - "Più che dimezzata quest'anno la produzione di olio lombardo, con cali che arrivano in alcuni casi fino al 90% rispetto alla scorsa annata, quando si erano registrati ottimi risultati". È quanto afferma la Coldiretti Lombardia in vista dell'avvio della raccolta delle olive dalle Alpi al Po, spiegando che a pesare "sono state le basse temperature e le piogge eccessive dei mesi di maggio e giugno che hanno compromesso le fasi di fioritura e allegagione. A queste si sono sommate le grandinate estive che hanno colpito a macchia di leopardo".

"E' un disastro sono così poche le olive presenti sulle piante, che non sarà possibile rispettare le tempistiche di raccolta e lavorazione: per questo non le raccoglieremo nemmeno" ha spiegato l'olivicoltrice bresciana Nadia Turelli citata da Coldiretti, aggiungendo che "una situazione del genere non l'ho mai vista" e che "per fortuna ho ancora scorte dall'anno scorso che è stato eccezionale e che nei prossimi mesi, quindi, riuscirò a garantire la vendita del nostro olio". "La stagione è compromessa" ha aggiunto il produttore lecchese Massimiliano Gaiatto, confermando che "per colpa delle bizze del tempo, ci ritroviamo con una produzione di olio decimata e noi produttori dovremo ricorrere alle scorte della scorsa annata per poter soddisfare le richieste".

"Per far fronte alla situazione - ha concluso la Coldiretti Lombardia - l'assessore regionale lombardo all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, ha attivato e riunito il tavolo olio, per raccogliere i dati e valutare la richiesta al governo dello stato di calamità".