Coldiretti, siccità record taglia lavoro, da uva a mele (-5,6%)

Red/Cro/Bla

Roma, 7 dic. (askanews) - La siccità taglia del 5,6% il lavoro nei campi, con l'agricoltura che è l'unico settore a far registrare un calo degli occupati nel terzo trimestre del 2017 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti (www.coldiretti.it) divulgata in occasione della diffusione dei nuovi dati Istat sull'occupazione, che evidenziano gli effetti devastanti nelle campagne di una stagione segnata da un clima impazzito, con il 2017 che si è classificato come l'anno meteorologico piu' secco in Italia dal 1800, secondo un'elaborazione della Coldiretti sui dati Isac Cnr, provocando danni stimati superiori ai 2 miliardi di euro. Il risultato è stato un crollo generale delle produzioni - spiega Coldiretti - che va dalle mele all'uva e che ha causato un conseguente calo della necessità di manodopera per le campagne di raccolta. Se ad esempio per le mele si stima un calo medio del 23% rispetto a quella della scorsa stagione con punte del 60% in Trentino nelle vigne - conclude la Coldiretti - la vendemmia 2017 si è classificata tra le più scarse del dopoguerra con un taglio della produzione del 26% nel confronto con lo scorso anno.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità