Coldiretti: stop specie aliene che rovinano interi raccolti

Cro-Mpd

Roma, 29 gen. (askanews) - Anche una delegazione di agricoltori lucani, guidata dal presidente regionale di Coldiretti Basilicata, Antonio Pessolani, è scesa in piazza a Verona, all'inaugurazione della Fieragricola, per chiedere di fermare la strage senza precedenti provocata dall'arrivo di specie aliene che rovina interi raccolti. L'invasione di insetti e organismi alieni portati nelle campagne italiane dai cambiamenti climatici e dalla globalizzazione degli scambi ha causato danni per oltre un miliardo nel 2019 con gravissimi effetti sul piano ambientale, paesaggistico ed economico. Una strage senza precedenti provocata dalla cimice killer arrivata dall'Oriente che mettendo in ginocchio interi settori produttivi senza che siano state attivate misure di sostegno comunitarie adeguate a fronteggiare una vera calamità naturale.

Dalla cimice asiatica al batterio della Xylella, dalla Popillia japonica alla Drosophila suzukii, dal cinipide galligeno che ha fatto strage di castagni al punteruolo rosso che ha decimato le palme o il coleottero Aethina tumida, sono sempre di più le specie aliene che distruggono i raccolti, favorite dai cambiamenti climatici evidenti anche in un inverno caldo anche nei giorni della merla che smentiscono addirittura la tradizione di essere i più freddi dell'anno con lo smog nelle città e danni nelle campagne.

L'ultima ad invadere l'Italia è la "cimice marmorata asiatica" arrivata dalla Cina che - sostiene Coldiretti Basilicata - è particolarmente pericolosa per l'agricoltura perché prolifica con il deposito delle uova almeno due volte all'anno con 300-400 esemplari alla volta. Un autentico flagello è il batterio della Xylella che è stato introdotto con molta probabilità dal Costa Rica attraverso le rotte commerciali di Rotterdam ed ha devastato gli uliveti del Salento dove quest'anno sono andate perse quasi 3 olive su 4 in provincia di Lecce con il crollo del 73% della produzione di olio di oliva che non sarà certamente recuperata nell'annata 2019 - 2020, secondo un'analisi elaborata da Coldiretti Puglia sulla base dei dati del Sistema Informativo Agricolo Nazionale (SIAN).

(Segue)