Coletta: "Sanremo sarà in sicurezza e protocollato come evento tv"

Vincenzo Castellano
·3 minuto per la lettura

AGI - “Il Festival di Sanremo sarà uno show protocollato come evento televisivo e sarà realizzato in grandissima sicurezza, in accordo con la prefettura, l'Asl e le autorità preposte”. A margine della conferenza stampa di presentazione de ‘Il cantante mascherato', al via venerdì 29 in prima serata, il direttore di Rai1 Stefano Coletta ha chiarito la connotazione prettamente televisiva della kermesse precisando che la Rai è impegnata sul Festival dalla mattina alla sera: “Abbiamo lavorato alacremente per garantire tutti i protocolli e lo facciamo pensando al pubblico”.

Il direttore di Rai1 è sicuro che realizzare questa edizione del Festival sotto l'egida del dpcm lo renda meno rischioso rispetto a una fase post decreto più libera: “Le regole sono molto strette e va bene così, l'estate che abbiamo passato va tenuta a mente”. Coletta considera Il Festival in piena continuità con altri programmi della rete come ‘Ballando con le stelle', ‘The voice senior' e ‘Il cantante mascherato': “Sanremo è un continuum dell'intrattenimento che siamo stati capaci di organizzare quest'anno nonostante la pandemia, la peggior nemica, di questo genere televisivo - ha chiarito - Il 9 marzo quando è scattato il primo lockdown ero arrivato da pochissimo a Rai1 e ho dato subito corso alle mie due interpretazioni delle necessità dei telespettatori alle prese con le preoccupazioni e le difficoltà dettate dal virus: le persone avevano bisogno di essere informate, ma anche di essere consolate e di ricevere una quota di evasione".

Speranza: protocollo di sicurezza in tempo utile 

Valutare e quindi "predisporre" in tempo utile "un protocollo di sicurezza degli artisti" sul palco e dietro le quinte del teatro Ariston in occasione del prossimo Festival di Sanremo. Ricordando al tempo stesso che al momento per gli spettacoli che si svolgono nelle sale teatrali valgono le norme previste dal dpcm attualmente in vigore fino al 5 marzo, ovvero lo svolgimento di spettacoli avviene, deve avvenire fino al 5 marzo, "in assenza di pubblico". 

Lo chiede il ministro della Salute, Roberto Speranza, al Comitato tecnico-scientifico, a cui ha trasmesso la nota che nei giorni scorsi le associazioni discografiche hanno indirizzato al dicastero della Salute chiedendo un protocollo di sicurezza anche, se non principalmente, per cantanti e addetti ai lavori.  

Già in precedenza, il 18 gennaio, la Rai aveva diramato un comunicato in cui al termine di una riunione tra i vertici Rai delle strutture coinvolte nell'organizzazione della kermesse e il direttore artistico Amadeus, alla presenza dell'amministratore delegato Fabrizio Salini confermava le date 2-6 marzo per lo svolgimento del Festival e che tra i temi affrontati nel corso dell'incontro c'era quello sul protocollo sanitario e organizzativo che "sarà a breve sottoposto alle autorità competenti in modo da poter prevedere una presenza del pubblico nella platea del Teatro Ariston".

La preparazione di Sanremo 71 va avanti

L'argomento è sempre più di stretta attualità, la preparazione della 71^ edizione del Festival intanto va avanti. E ci si interroga se e come sarà possibile avere un Festival in presenza oltre il palcoscenico dell'Ariston. In più c'è verificare in che misura sarà possibile assicurare sul posto la copertura dell'evento da parte delle testate giornalistiche di carta stampata, radio, tv e web, ovvero come sarà possibile 'controllare' le persone, tener conto delle sistemazioni alberghiere, prevedere un'attività di approvvigionamento o catering, visto che l'asporto di cibo può essere fatto al massimo entro le ore 22, stando all'attuale dpcm, e si sa che le serate al Festival.

In attesa che il Cts si pronunci, intanto se ne parlerà oggi in cda Rai, dove è prevista una informativa sullo stato di avanzamento dei lavori.