Coletto: "Rinuncio al vitalizio e torno a fare il geometra"

webinfo@adnkronos.com

"Rinuncio al vitalizio e ritorno in cantiere a fare il geometra". Lo afferma al quotidiano 'Il Gazzettino' Luca Coletto, ex sottosegretario ed ex assessore alla Sanità sottolineando che "devo ancora ripartire, ma l'idea è che i colleghi disegnino e che io segue l'esecuzione dei lavori: indosserò l'elemetto e andrò in cantiere, come una volta, sono anche bravo sapete?".  

"Rimango un attivista della Lega, di cui sono ancora responsabile federale per la sanità. Per questo ruolo continuo a muovermi su tutto il territorio italiano - continua Coletto - e quando ci sono problematiche particolari, soprattutto che vanno al voto come prossimamente l'Umbria e l'Emilia Romagna, mi capita di intervenire pubblicamente".  

"Credo di aver dimostrato, in oltre vent'anni da tesserato della Lega, di essere fedele al progetto del movimento. Detto ciò, non c'è ombra di dubbio che io debba molto al nostro segretario e, ancora prima, a Luca Zaia. Il governatore è stato il mio trampolino di lancio, il mio santo protettore, il mio tutto". Su un eventuale ricandidatura alle Regionali, Coletto risponde che "ne parlerò co chi di dovere. Ma sono venuto via da Venezia perché sono stato chiamato a Roma, non certo perché stessi male. Quindi se posso fare qualcosa per la mia gente, ben volentieri".