Collacciani-Ripa di Medana, 'Ora ti curo io': dibattito a Formello sul fine vita

·4 minuto per la lettura

Sarà presentato il 24 settembre (ore 18.30) al Palazzo Chigi di Formello il libro, scritto a quattro mani, da Marino Collacciani e Marina Ripa di Meana, 'Ora ti curo io', che ritorna di prepotente attualità anche sullo sfondo del referendum sull'eutanasia legale. Al tavolo dei relatori l’avvocato Nino Marazzita, la contessa Patrizia de Blanck, la storica della moda Silvana Pascale Augero, la psicoterapeuta Paola Notargiovanni, già dirigente psicologo presso l’Ospedale Sant’Andrea. L’attore di teatro Gianluigi Augero leggerà alcuni significativi passi del libro

"Quando stiamo bene diamo per scontata la vita. Invece, quando le forze diminuiscono piano piano, godi dei privilegi della giornata, delle cose belle". Così Marina Ripa di Meana, scomparsa il 5 gennaio del 2018 a causa del male incurabile che l'aveva colpita 17 anni prima, si raccontava agli amici più stretti. Emozioni e intensi spaccati inediti di vita sono riassunti nel libro 'Ora ti curo io - Ho preso il cancro per le corna', scritto da Marino Collacciani (Cuzzolin Editore), amico per 42 anni di Marina e suo primo ufficio stampa.

Nel libro, il racconto di una battaglia contro il tumore, tra cambi di terapia e sofferenze ma sempre nel segno della dignità e di una diffusa ironia, col coraggio di una visionaria doc, di una rivoluzionaria antesignana sui temi di attualità. Non a caso Marina Ripa di Meana, sofferente e stanca di combattere, si è lasciata cadere nel sonno il 5 gennaio del 2018, avvalendosi dell’assistenza dell’Associazione Luca Coscioni. La stessa che aveva visto protagonista dj Fabo - al secolo Fabiano Antoniani - condotto al suo addio alla vita in una clinica svizzera il 27 Febbraio del 2017 da Marco Cappato.

L’esponente radicale ha rischiato 12 anni di carcere ma è stato assolto, pur lasciando aperta una 'vacatio legis', non colmata dal Governo nonostante l’espressa richiesta dei giudici di Cassazione. Il libro è uscito postumo vendendo migliaia di copie, ma il manoscritto originale non è stato toccato neanche in una virgola dall’autore Marino Collacciani che oggi fa notare come quel sottotitolo. 'Ho preso il cancro per le corna', equivalga a un’avvisaglia. Ovvero, in quale modo una malattia letale possa essere gestita in modo estremo, quando le speranze di vita sono ridotte al lumicino e, comunque, destinate a spegnersi in un mare di sofferenze.

Un quadro complesso, ma facilmente fruibile che restituisce Marina al suo reale aspetto umano, quello che la gente ha saputo scorgere, apprezzare ed amare. Un libro che a tre anni di distanza torna di estrema attualità sullo sfondo del referendum sull’eutanasia legale che ha già raggiunto e superato ampiamente le firme necessarie (900mila rispetto alle 500mila richieste). Un tema, quello della crescita culturale e delle pari opportunità che non ha mai lasciato insensibile il sindaco di Formello, Gian Filippo Santi, da quattro anni brillantemente alla guida del laborioso paese a Nord di Roma con larga rappresentanza di quote-rosa.

"Quelli del testamento biologico e dell’eutanasia legale - ha affermatoil sindaco di Formello Gian Filippo Santi - sono temi da tempo sul tavolo della giurisprudenza ed è giusto che la materia venga regolamentata da una legge che contemperi le esigenze del malato, quelle della coscienza umana e della fede cattolica. Un nodo difficile da sciogliere, ma non impossibile da affrontare, con l’obiettivo di giungere a una soluzione che rappresenti le reali esigenze del problema e lo inquadri almeno in termini di riferimento ufficiale. Ciò comporterebbe quantomeno un’assistenza adeguata e linee-guida migliori alle famiglie che si trovano a gestire casi del genere".

Ne parleranno, dunque, al tavolo dei relatori - nel corso di un dibattito moderato da Marino Collacciani - l’avvocato Nino Marazzita, tra i primi latori di una legge sul testamento biologico, la psicoterapeuta Paola Notargiovanni e due amiche di Marina Ripa di Meana, la contessa Patrizia de Blanck che ne ricorderà la figura attraverso una serie di aneddoti, e la storica della moda, Silvana Pascale Augero, che porterà sul palco tre cappellini, una giacca e un ventaglio disegnati da Marina Ripa di Meana e da lei acquistati per la sua collezione-museo. L’attore di teatro Gianluigi Augero leggerà alcuni passi del libro, dopo i saluti istituzionali del sindaco Gian Filippo Santi alla presenza della direttrice del Museo dell’Agro Veientano di Formello, Iefke J. van Kampen.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli