Colle, M5s sconfessa il Patto della lasagna alla festa di Bettini

·1 minuto per la lettura
20/10/2021 Roma. Festa del Cinema di Roma, sedicesima edizione, red carpet del film Caterina Caselli Una vita, cento vite. Nella foto Goffredo Bettini (Photo: Maria Laura AntonelliMaria Laura Antonelli / AGF)
20/10/2021 Roma. Festa del Cinema di Roma, sedicesima edizione, red carpet del film Caterina Caselli Una vita, cento vite. Nella foto Goffredo Bettini (Photo: Maria Laura AntonelliMaria Laura Antonelli / AGF)

“Se leggo bene le cronache, tra il tragico e divertito, della mega festa per il compleanno del guru dem Goffredo Bettini in una villetta della Storta, lontana periferia romana, alla presenza di personaggi illustri vecchi e nuovi del potere romano che conta (ma non solo) si sarebbe officiato il ‘Patto della Lasagna’, secondo qualche presente e molti giornalisti, impegnato a ridisegnare gli assetti istituzionali prossimi venturi della Repubblica con Mario Draghi al Quirinale e l’attuale ministro dell’Economia Daniele Franco, sua emanazione, a Palazzo Chigi. Certo, tutto va bene per allietare una festa, un po’ strano che le stesse persone, che ogni giorno si stracciano le vesti invitando gli altri a non prestarsi al Toto-Quirinale perché irrispettoso verso l’attuale inquilino del Colle più Alto, se ne escano addirittura con un organigramma completo preoccupandosi anche di darlo in pasto ai giornali”. Lo scrive su Facebook il senatore M5S Primo Di Nicola, richiamando la festa dell’esponente dem a cui avrebbe preso parte anche il leader del Movimento, Giuseppe Conte.

“Sorprendente per gente così navigata e di buona memoria, alla quale non andrebbe certo ricordato che accordi del genere non sono mai finiti bene rivelandosi alla fine pure indigesti, su tutti il Patto della Crostata (1997, chez Gianni Letta, con Berlusconi, D’Alema, Marini e Fini per la Bicamerale riforme istituzionali) di cui ancora oggi si sconta l’inglorioso epilogo. Orbene, non sarà certo sfuggito ai presenti e certamente al saggio Bettini (a proposito, auguri!) che noi M5s degli assetti istituzionali del Paese preferiamo e vogliamo parlarne, e al più presto, nelle sedi proprie, a cominciare dai gruppi parlamentari. Non fosse altro per quella trasparenza che i cittadini continuano a pretendere e per la quale ci siamo sempre battuti”, conclude Di Nicola.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli