Colleferro, papà Willy: "Mio figlio morto pochi mesi fa e non è cambiato niente"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Mio figlio è morto pochi mesi fa e continuano a succedere le stesse cose, come sempre. Ancora un ragazzo aggredito nella nostra Colleferro, e non solo. Ancora risse, dolore per le famiglie. Quando ieri mattina ho appreso di questo nuovo pestaggio mi sono fermato e ho pensato: 'Ancora? Ma cosa sta succedendo?'". A commentare l'ennesima aggressione subita da un giovane a Colleferro, in provincia di Roma, è all'Adnkronos Armando Monteiro, papà di Willy, il 21enne ucciso la notte tra il 5 e il 6 settembre scorsi dal branco oggi in carcere.

"E' un dolore forte, che si riaccende ogni volta - continua - Non solo mio e di mia moglie, ma di tutti. Credo che i ragazzi abbiano troppo tempo libero, che sia necessario tenerli impegnati, dargli la possibilità di coltivare nuovi interessi, così da evitare che vadano in giro a fare danni. Oggi abbiamo paura per nostra figlia. Bisogna fare qualcosa, e presto, perché così non si può andare avanti". (di Silvia Mancinelli)