Colombia, 10 membri delle FARC morti durante un attacco aereo

·1 minuto per la lettura

Duro colpo ai dissidenti delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC): almeno dieci membri sono morti durante un attacco aereo di comandi speciali delle forze militari, secondo quanto riferito da fonti ufficiali.

Tra le vittime, il secondo capo del cosiddetto Primo Fronte, Armando Ríos.

L'operazione è stata condotta nel dipartimento della giungla di Guainía, nell'est del Paese.

Nelle parole del ministro della Difesa, Diego Molano, questo permetterà "di ritrovare la tranquillità nell'area".

"Ríos aveva una storia criminale di 12 anni nell'organizzazione - dice - era lo scagnozzo di 'Iván Mordisco', il principale leader delle FARC in questa zona del Paese.

Era destinato ad espandere le operazioni criminali a Vichada, Guainía nella zona di confine con Venezuela e Brasile, nonché a coordinare le attività di traffico di droga attraverso i due Paesi".

Le autorità puntano ora su 'Iván Mordisco', ideatore del piano di ristrutturazione dei vecchi fronti di guerriglia.

La sua fazione è stata la prima a rifiutare l'accordo di pace firmato con il governo nel 2016, sostenendo che il disarmo non avrebbe risolto i problemi sociali della Colombia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli