Colombia, Msf: oltre 1,6 mln venezuelani senza adeguata assistenza -2-

Red/Ihr

Roma, 19 dic. (askanews) - I migranti venezuelani in Colombia devono affrontare una situazione senza precedenti rispetto ai massicci movimenti di popolazioni degli ultimi anni. La maggior parte di loro ha lasciato una situazione difficile nel Paese d'origine, ma una volta attraversato il confine non ha trovato un luogo sicuro, soprattutto se si sono stabiliti in aree periferiche e remote del Paese. Rischiano di essere reclutati da gruppi armati o di finire a lavorare nelle coltivazioni illegali, subiscono discriminazioni, violenze sessuali e prostituzione forzata.

A differenza di molti Paesi nell'area, la Colombia ha tenuto i suoi confini aperti per accogliere i venezuelani, anche se il Paese non ha esperienza né risorse adeguate per rispondere ai loro bisogni. Molti migranti dormono in strada al loro arrivo, poi si sistemano in baraccopoli o case sovraffollate. Difficili condizioni di vita, mancanza di accesso all'acqua e scarse condizioni igieniche hanno un impatto diretto sulla loro salute. (Segue)