Colombia, scomparso giornalista francese dopo scontri esercito-Farc

Bogotà (Colombia), 29 apr. (LaPresse/AP) - Un giornalista francese risulta disperso insieme a cinque membri delle forze di sicurezza colombiane a seguito di un combattimento scoppiato con i ribelli delle Farc in Colombia, nello Stato meridionale di Caqueta, durante un'operazione antidroga. Lo riferisce il ministero della Difesa colombiano precisando che negli scontri, scoppiati precisamente nel piccolo villaggio di Buena Vista nella municipalità di Montanita, sono morti tre soldati e un poliziotto. Il reporter scomparso stava accompagnando l'esercito colombiano per realizzare un servizio sulla lotta alla droga ed è stato identificato dal ministero come Romeo Langlois, un "corrispondente di guerra" residente in Colombia che ha lavorato per diversi media tra cui il quotidiano francese Le Figaro. Nell'operazione sarebbero stati distrutti cinque laboratori per la lavorazione di cocaina.

Le Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc), fondate nel 1964, contano su circa 8mila combattenti. Questo mese il gruppo ha rilasciato quelli che sostiene fossero gli ultimi "prigionieri politici" nelle loro mani e ha promesso di bloccare la pratica dei rapimenti. Alle Farc è stata attribuita la responsabilità del sequestro di quattro lavoratori cinesi del settore del petrolio, catturati lo scorso giugno nello stesso Stato di Caqueta dove sono avvenuti gli scontri di oggi.

Ricerca

Le notizie del giorno