Colosseo, aprono gli ipogei: un viaggio di 400 anni di storia

·2 minuto per la lettura
featured 1403219
featured 1403219

Roma, 26 giu. (askanews) – Si scende in profondità, giù giù fino a dove non si era mai scesi. Dopo oltre due anni di lavori di restauro, il cosiddetto “ipogeo”, ovvero l’area del Colosseo che si trovava sotto il livello del suolo, è tornato a splendere e apre ora le sue “porte” ai visitatori. Un viaggio di circa 400 anni di storia, grazie ai lavori finanziati da Tod’s, l’azienda di scarpe di lusso.

Svelato, dunque, quello che era il backstage dell’arena. Come spiega Alfonsina Russo, direttrice del Colosseo: “Per la prima volta è stato possibile restaurare tutto l0impianto degli ipogei, che era il backstage degli spettacoli che si svolgevano sull’Arena e quindi consente al visitatore di ripercorrere la storia di circa 400 anni, dal’80 d.C al periodo all’anno dell’inaugurazione del Colosseo fino all’ultimo spettacolo del 523 d.C.”

Un monumento nel monumento, che è possibile visitare solamente su prenotazione, grazie a una passerella lunga 160 metri accessibile a tutti, restituendo così ai visitatori del Colosseo un’area che mai prima d’ora era stata praticabile.

Gli interventi di restauro, iniziato nel dicembre 2018, hanno visto il coinvolgimento di più di 80 persone tra archeologi, restauratori, architetti, ingegneri, geometri e operai. Dopo 781 giorni dall’apertura del cantiere e più di 55.700 ore di lavoro, le attività di restauro hanno riportato al loro antico splendore una superficie totale di 15.000 mq.

“Credo che il Colosseo sia il monumento che ha seguito la storia di Roma, si è adattato alla storia di Roma. Sappiamo che dopo l’abbandono nel 523 d.C., piano piano questo si trasformò in una sorta di piazza e il Colosseo divenne prima fortezza e poi il luogo c’erano delle abitazioni”.

Il piano dell’intervento continuerà con il restauro delle gallerie del secondo ordine, la messa a norma e l’implementazione degli impianti e la realizzazione di un centro servizi che consenta di portare all’estenro le attività di supporto alla visita, che attualmente si trovano all’interno del monumento.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli