Com'è andato il vertice bilaterale tra Erdogan e Biden al G20

·1 minuto per la lettura

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, nel suo vertice bilaterale a margine dei lavori del G20 con l'omologo turco, Recep Tayyip Erdogan, ha sottolineato il suo desiderio di "mantenere relazioni costruttive, espandere le aree di cooperazione e gestire in modo efficace le divergenze" con Ankara. Lo riferisce la Casa Bianca.

Biden ha espresso apprezzamento per il contributo quasi ventennale di Ankara alla missione Nato in Afghanistan. I due leader hanno discusso il processo politico in Siria, la consegna di aiuti umanitari alla popolazione afghana bisognosa, le elezioni in Libia, la situazione nel Mediterraneo orientale e gli sforzi diplomatici nel Caucaso meridionale. Biden ha riaffermato la partnership tra i due Paesi nel campo della difesa e l'importanza della Turchia come alleato nella Nato. 

Preoccupazione per i S-400 russi

Biden, nel vertice bilaterale, ha espresso la preoccupazione di Washington per il possesso del sistema di difesa antiaerea russo S-400, acquistato da Ankara. Lo riferisce la Casa Bianca.

L'acquisto delle batterie missilistiche russe ha causato l'esclusione della Turchia dal programma di jet di nuova generazione F-35. Nel colloquio con Erdogan, Biden ha inoltre sottolineato l'importanza, per la pace e la prosperità, delle istituzioni democratiche robuste, del rispetto per i diritti umani e dello stato di diritto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli