Come è cambiato il mondo degli accessi dopo l'emergenza Covid?

featured 1643266
featured 1643266

(Milano, 30/8/22) – Milano, 30 Agosto 2022. In una fase delicata, come quella attuale, dove il ritorno alle normali attività è stato possibile solo dopo aver definito in modo chiaro le norme anti-contagio, gli accessi sia negli uffici pubblici sia nelle imprese private sono andati incontro a importanti cambiamenti. A tal proposito, abbiamo approfondito la questione con Stefano Parmigiani dell’azienda, esperto di accessi automatici e controllati. Gli abbiamo chiesto come è cambiato il mondo degli accessi in seguito all'emergenza Covid.

Quali sono stati i principali cambiamenti a seguito del ritorno sul posto di lavoro?

In ambito lavorativo, la sicurezza del personale è andata incontro a normative sempre più rigide. Strutture pubbliche, come uffici, ospedali, scuole, università tribunali, esattamente come gli edifici privati, come centri commerciali, negozi, hotel, si stanno attrezzando al meglio, dotando gli esercizi di sistemi sempre più all’avanguardia in modo da rilevare nei tempi più rapidi possibili la temperatura corporea dei soggetti che transitano nella zona di riferimento.

Anche il controllo della mascherina di protezione è divenuto fondamentale, al punto che viene fatto ancor prima che il diretto interessato possa varcare la soglia di accesso. In tal senso, sono stati introdotti i tornelli termoscanner, i quali hanno subito riscontrato evidenti segnali di apprezzamento nei luoghi dove sono stati installati.

Ecco, a proposito di tornelli termoscanner, ci direbbe nello specifico di cosa si tratta?

Si tratta di un dispositivo che unisce i punti di forza che contraddistinguono i tradizionali tornelli messi all’ingresso di uno spazio, dove in genere transitano molte persone, con i vantaggi tipici dei termoscanner.

Il loro scopo basilare consiste nel rilevare la temperatura corporea e in caso i valori risultassero superiori ai 37,5 gradi centigradi, scatterebbe un allarme. Inoltre, il soggetto in questione non potrebbe varcare la soglia d’ingresso. Di converso, il suo superamento può avvenire solamente se sua temperatura corporea risulta inferiore.

Questo ha migliorato la gestione dei flussi di persone?

Assolutamente sì, visto che in passato la loro logica di funzionamento non si discostava di troppo da quella dei termometri. La presenza di un operatore, dotato di mascherina di sicurezza, pertanto, era imprescindibile per portare a termine le rilevazioni. Tuttavia, per varcare la soglia d’ingresso di una struttura pubblica o privata, occorreva tempo, si formavano lunghe code e la minaccia del Covid-19 poteva farsi sempre più seria, visto l’aumento evidente delle probabilità di contagio.

L’introduzione dei tornelli termoscanner, di fatto, ha contribuito a migliorare sensibilmente il transito delle persone, soprattutto nelle aree particolarmente trafficate. Tutto avviene in automatico e si evitano assembramenti. I rallentamenti negli ingressi, di fatto, al giorno d’oggi non sono altro che un ricordo del passato. Siccome la gestione di flussi delle persone non costituisce alcun problema, essendo automatizzata, si richiede una presenza inferiore di personale adibito ai controlli.

Molti modelli di tornelli termoscanner di ultima generazione hanno nel riconoscimento facciale il loro valore aggiunto. Se la mascherina di sicurezza, ad esempio, non risulta indossata, perché tenuta in modo non aderente sul naso, il passaggio del varco non può avvenire. Questione di sicurezza dei lavoratori, quindi.

Dove sono maggiormente richiesti?

Come può immaginare, avendo rivoluzionato il mondo degli accessi, i suddetti dispositivi hanno lasciato il loro segno praticamente dappertutto, soprattutto con l’arrivo della stagione estiva, dove gli eventi pubblici vanno per la maggiore.

Stadi, spiagge, traghetti, aeroporti, metropolitane, stazioni dei treni, parchi, frontiere, uffici, aziende, scuole, università e ospedali hanno deciso di prendere tutte le contromisure del caso per evitare un rapido incremento dei contagi che darebbe origine a scenari preoccupanti.

Quanto è importante la componente tecnologica nei tornelli termoscanner?

Moltissimo, soprattutto in un’ottica di prevenzione e di sicurezza. I suddetti dispositivi sono equipaggiati con apposite termocamere. Il loro scopo consiste nel gestire al meglio sia l’apertura sia l’eventuale blocco del varco, una volta che sono state fatte tutte le verifiche del caso sulle persone che transitano in quella specifica area: visitatori di un evento, pazienti in un ospedale, studenti in qualsiasi istituto scolastico, ecc.

Conditio sine qua non per il passaggio, oltre alla temperatura corporea che deve necessariamente rientrare nei parametri di riferimento, è il fatto che la mascherina di sicurezza risulti indossata nella maniera appropriata, vale a dire a copertura della bocca e del naso. La rilevazione della temperatura corporea avviene in tempi veloci (pochissimi secondi), al mero scopo di evitare i tanto temuti assembramenti che, come è noto, rappresentano un terreno fertile per la propagazione del virus e per l’aumento dei contagi.

Tra le ulteriori componenti tecnologiche che caratterizzano i tornelli termoscanner, vale la pena soffermarsi anche sul controllo anti-accodamento, sull’impianto semaforico, dove è disponibile il lasciapassare o il blocco, e l’allarme di tipo ottico-acustico.

E in futuro cosa dobbiamo aspettarci in materia di gestione degli accessi a seguito dell’emergenza Covid?

La minaccia del Covid, a quanto pare è destinata a durare in varie forme ancora per anni. Purtroppo, bisognerà necessariamente imparare a conviverci. L’obiettivo in materia di gestione degli accessi verterà tutto attorno alla velocizzazione, in quanto sinonimo di ottimizzazione dei tempi, ma soprattutto di prevenzione e di sicurezza dei passanti.

Tutto poi dipenderà da come si evolveranno i protocolli in una materia decisamente complessa come quella attuale, visti i molteplici aspetti coinvolti.

Ringraziamo Stefano Parmigiani per la gentilezza dimostrataci nel rispondere in modo esauriente alle curiosità e ai quesiti posti.

Responsabilità editoriale: TiLinko – Img Solutions srl