Come cambiano le regole sul telelavoro in Portogallo

·3 minuto per la lettura

AGI - Alle aziende in Portogallo sarà vietato contattare i dipendenti al di fuori dell'orario di lavoro: è uno dei punti più importanti della legge europea più favorevole ai dipendenti per regolare il lavoro a domicilio. La legge, che entrerà in vigore nelle prossime settimane, cerca di sostenere i diritti dei lavoratori a distanza e di proteggere la loro vita familiare dopo che la pandemia ha favorito il loro lavoro da casa. "Il lavoro a distanza ha grandi vantaggi, a condizione di controllare gli svantaggi", ha detto Ana Mendes Godinho, ministro del lavoro, al Web Summit di Lisbona. "La pandemia ha accelerato la necessità di regolamentare cio' che già doveva essere regolamentato".

La legge è stata uno degli ultimi atti legislativi ad essere approvati dal governo socialista di minoranza del Portogallo, con il sostegno del blocco di sinistra anticapitalista, prima che la crisi politica facesse scattare le elezioni con due anni di anticipo.

Secondo le nuove regole, i datori di lavoro che non riescono ad "astenersi dal contattare" i lavoratori al di fuori dell'orario di lavoro saranno colpevoli di una grave violazione del diritto del lavoro, tranne in casi di emergenza. La Confederazione degli agricoltori ha criticato la nuova legge spiegando di essere una risposta troppo affrettata alla pandemia, dicendo che impedire ai datori di lavoro di avere qualsiasi contatto con i lavoratori fuori dall'orario di lavoro è una reazione "irragionevole" ai problemi causati dal coronavirus. Per proteggere la privacy, le aziende avranno anche il divieto di monitorare i lavoratori a domicilio in qualsiasi modo.

Il lavoro a distanza deve essere di comune accordo tra datore di lavoro e dipendente e basato su contratti che stabiliscono le ore e il luogo di lavoro. I lavoratori possono rifiutarsi di lavorare a casa senza dare ragioni, ma le aziende devono giustificare per iscritto perchè non possono soddisfare la richiesta di un dipendente di lavorare a distanza.

Genitori o badanti che si occupano di bambini fino a otto anni avranno il diritto di lavorare a casa senza chiedere il consenso del loro datore di lavoro, a condizione che il loro lavoro sia compatibile con il lavoro a distanza. Se entrambi i genitori sono idonei, sono tenuti ad alternare periodi di lavoro a domicilio.

Le aziende con meno di 10 lavoratori, tuttavia, saranno esentate dalle regole più severe. I datori di lavoro saranno tenuti a soddisfare i costi aggiuntivi che i lavoratori remoti devono sostenere a casa, comprese le comunicazioni, l'energia e la manutenzione delle attrezzature, e qualsiasi aggiornamento delle loro connessioni internet necessarie per il lavoro. Alcuni avvocati hanno espresso preoccupazione su come saranno calcolati questi costi.

Secondo la legge, nessuna discriminazione è consentita tra i lavoratori a distanza e gli altri in termini di vacanze, carriere, formazione, salute e disposizioni assicurative. Le aziende saranno anche tenute a organizzare incontri regolari faccia a faccia per evitare che i lavoratori a distanza si sentano isolati.

Oltre a proteggere i lavoratori, le nuove regole sono progettate per rendere il Portogallo più attraente per i cosiddetti nomadi digitali, e si aggiungeranno alle agevolazioni fiscali esistenti progettate per attirare gli imprenditori tecnologici e altri potenziali investitori. "Le persone possono sia vivere in Portogallo che lavorare per le migliori aziende del mondo", ha detto Mendes Godinho.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli