Come Honor è diventata indipendente e ha cominciato a giocare tra i grandi

Honor

AGI - La transizione è completa. Con il lancio sul mercato del flagship Magic 4 Pro e la presentazione, sul palcoscenico dell'Ifa di Berlino, della serie 70, Honor ha completato il percorso per affrancarsi definitivamente dal marchio da cui era derivato: Huawei.

Ancora alle prese con la costruzione di una nuova identità e con il lancio del suo sistema operativo, dei suoi Mobile Services e della sua app gallery, il colosso è stato costretto a lasciare libera la sua costola che ha acquisito personale e tecnologia – all'avanguardia soprattutto nella fotografia e nelle batterie – e ha iniziato una nuova vita. Indipendente al punto da aver sviluppato una propria interfaccia mobile – Magic Os – e una app per collegare gli smartwatch.

Ifa 2022 è la prima edizione in persona dopo la pandemia e la prima dopo la separazione di Honor da Huawei. Non poteva esserci occasione migliore per presentare la ‘nuova' Honor e i nuovo prodotti, alcuni dei quali non vedremo in Italia.

Al mercato italiano è destinato l'Honor 70, un device di fascia media – costa 549 o 599 euro a seconda della configurazione con 128 o 256 giga di storage – che grazie a alla funzione ‘Solo Cut' permette ai creatori di contenuti che vogliono scegliere il protagonista della loro storia di creare ‘vlog ritratti' che riprendono una persona specifica in un video di gruppo e due video ad alta definizione contemporaneamente.

Honor ha presentato in anteprima MagicOS 7.0, un sistema operativo per la collaborazione intelligente basato su Android, PC e sistemi operativi IoT, che abbraccia standard aperti per facilitare la collaborazione tra smartphone, tablet, PC e altri prodotti IoT.

In sostanza gli utenti potranno controllare un laptop, uno smartphone e un tablet Honor utilizzando un'unica tastiera e un unico mouse. Grazie a questa funzione, si potranno trascinare i file da un dispositivo all'altro senza alcuna interruzione e digitare testi sullo smartphone o sul tablet con la tastiera del laptop.

Per rafforzare il suo portafoglio di prodotti ha presentato anche il portatile MagicBook 14 e il tablet Pad 8, che però per il momento non vedremo in Italia, e ha anticipato l'arrivo in Europa degli smartphone pieghevoli.

Lo smartphone portato a Ifa monta una doppia fotocamera principale che comprende una Super Sensing da 54MP con un sensore IMX800 da 1/1,49 pollici e una fotocamera Ultra-Wide e Macro da 50MP. Honor 70 è alimentato da Qualcomm Snapdragon 778G Plus 5G e supporta GPU Turbo X e OS Turbo X, per reggere attività pesanti, tra cui l'editing video.