Come la NATO, l'UE ha una clausola di difesa reciproca, ma (quasi) solo sulla carta

Come la NATO, l'UE ha una clausola di difesa reciproca, ma (quasi) solo sulla carta

Proprio come la NATO, l'Unione Europea ha una propria clausola di mutua difesa.

Eppure la decisione di Svezia e Finlandia di aderire all'alleanza atlantica sulla scia della guerra della Russia in Ucraina sembra dimostrare che la fiducia nella versione del blocco è fragile.

La clausola di mutua difesa dell'UE — articolo 42.7 del trattato di Lisbona — è stata approvata nel 2007 ed è in vigore dal 2009.

Afferma che "se un paese dell'UE è vittima di un'aggressione armata sul suo territorio, gli altri paesi dell'UE hanno l'obbligo di aiutarlo e assisterlo con tutti i mezzi in loro potere".

Sono passati 60 anni dalla creazione della NATO e dalla sua clausola di difesa collettiva - l'articolo 5 - che prevede che "un attacco contro un alleato è considerato un attacco contro tutti gli alleati".

Entrambi sono stati attivati ​​solo una volta in reazione ad attacchi terroristici: l'11 settembre per la NATO e gli attacchi del 13 novembre 2015 a Parigi nel caso dell'articolo 42.7.

La clausola più forte?

"A prima vista, sembrano molto simili", ha detto a Euronews Aylin Matlé, ricercatrice del Programma di sicurezza e difesa presso il think tank del Consiglio tedesco per le relazioni estere. "Ma in realtà, la formulazione dell'articolo 42.7 è molto più forte a mio parere rispetto all'articolo 5 della NATO".

Il motivo è la parola "obbligo" che implica che altri Stati membri dell'UE devono fornire assistenza di qualche tipo. Eppure, "questo non significa che l'azione militare debba seguire automaticamente", ha sottolineato Matlé.

L'articolo 42.7 stabilisce che, sebbene l'obbligo di difesa reciproca sia vincolante per tutti i paesi dell'UE, "ciò non pregiudica la neutralità di alcuni stati membri ed è coerente con gli impegni dei paesi che sono membri NATO".

Ciò significa che il tipo di assistenza fornita, ove fonita, è ancora a discrezione della leadership politica nei singoli Stati membri.

Anche questo è in qualche modo simile a quanto accade nella NATO.

L'articolo 5 stabilisce che qualsiasi alleato "nell'esercizio del diritto all'autodifesa individuale o collettiva" intraprenderà "individualmente e di concerto con altre parti, le azioni che ritenga necessarie, compreso l'uso della forza armata".

Clausola "politicamente più debole"

Ventuno Stati membri dell'UE fanno parte della NATO e un terzo di essi - Belgio, Danimarca, Francia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi e Portogallo - sono membri fondatori dell'alleanza.

I restanti si unirono nei decenni successivi con l'ultima, la Croazia, che divenne ufficialmente membro alcuni mesi prima dell'entrata in vigore del Trattato di Lisbona.

Svezia e Finlandia, l'ultima delle quali condivide un confine di 1.340 chilometri con la Russia, potrebbero presto aggiungersi a loro volta. L'opinione pubblica sull'adesione all'alleanza militare è cambiata radicalmente nei due paesi, tradizionalmente neutrali, nelle settimane successive al lancio dell'attacco russo all'Ucraina ed entrambi hanno ora formalmente presentato offerte di adesione.

Entrambi sono Stati membri UE e sono quindi teoricamente coperti dall'articolo 42.7.

Secondo Rafael Loss, coordinatore per i progetti di dati paneuropei presso il Consiglio europeo per le relazioni estere (ECFR), nonostante la sua forte retorica, l'articolo 42.7 "è considerato dalla maggior parte degli Stati membri dell'UE, molti dei quali membri dell'alleanza NATO, come politicamente un po' più debole".

"C'è una sorta di accordo generale, almeno implicito, sul fatto che la NATO sia responsabile della difesa territoriale in Europa e l'UE si occupi in una certa misura della gestione delle crisi e questo ovviamente non è esclusivo", ha aggiunto. Il timore a Stoccolma e a Helsinki, ha detto Loss, è che se la Russia dovesse attaccare, la risposta dell'UE sarebbe semplicemente "molto inferiore a quella di cui è capace la NATO".

La NATO è solo un'alleanza militare

La differenza tra le due politiche è che la NATO è un'alleanza militare solo con esercitazioni congiunte regolari, nonché gruppi tattici multinazionali e capacità importanti tra cui jet da combattimento e navi da guerra sotto il comando diretto della NATO già schierati in tutta Europa.

L'UE, tuttavia, è stata creata come un'alleanza politica ed economica e solo adesso sta iniziando davvero a disegnare infrastrutture comuni di sicurezza e difesa.

Questo processo è stato accelerato dalla guerra in Ucraina con i leader che a fine marzo hanno sostenuto la politica della bussola strategica, che prevede che l'UE si doti di una capacità di schieramento rapido fino a 5.000 soldati, istituendo esercitazioni e manovre più regolari a terra e in mare e la possibilità per gli Stati membri di investire congiuntamente nello sviluppo delle capacità militari.

La Commissione ha anche presentato il mese scorso le proposte per un quadro dell'UE per gli appalti congiunti della difesa per consentire agli Stati membri di ricostituire rapidamente e in modo più economico le scorte inviate alle autorità ucraine, sostituire le apparecchiature dell'era sovietica e colmare le lacune nelle capacità militari, in particolare i sistemi di difesa aerea e missilistica.

Secondo Matlé, Svezia e Finlandia hanno utilizzato l'invocazione francese dell'articolo 42.7 nel 2015 come banco di prova, soprattutto perché nessuno dei due stava seriamente considerando l'adesione alla NATO in quel momento.

"Quei due paesi erano in realtà molto entusiasti non solo dell'invocazione, ma anche di andare avanti e portare avanti la politica di sicurezza e di difesa comune dell'UE. E immagino che tu lo sappia, potresti sostenere che il bilancio della sicurezza comune dell'UE e la politica di difesa fa riflettere", ha aggiunto, sottolineando la mancanza di una struttura di comando comune e la mancanza di capacità militari a disposizione dell'UE.

Chi se non Francia e Germania?

L'altro problema è la leadership.

La NATO è dominata dagli Stati Uniti che contano decine di migliaia di effettivi – alcuni sotto il comando della NATO, altri nell'ambito di accordi bilaterali con i singoli Stati membri dell'UE – sparsi in tutta Europa, oltre a capacità significative.

Alcuni paesi più piccoli dell'est sono stati diffidenti nel conferire all'UE un forte mandato di difesa, temendo che ciò potesse portare a un ritiro da parte di Washington, soprattutto perché l'Unione tende a essere lenta nel rispondere alle crisi a causa del requisito dell'unanimità.

L'UE ha imposto il sesto round di sanzioni alla Russia dalla sua invasione del 24 febbraio, ma durante i negoziati per l'ultimo pacchetto, durati quattro settimane, sono emerse enormi crepe nell'unità del blocco.

La quantità di aiuti militari forniti da ciascuno Stato membro all'Ucraina è variata considerevolmente con la Germania pesantemente criticata per la sua lenta risposta iniziale, mentre il presidente francese Emmanuel Macron ha profondamente irritato le controparti orientali con il suo appello a non umiliare la Russia.

"La principale domanda che dobbiamo affrontare nel contesto dell'UE è che c'è stato un calo significativo della fiducia nei confronti dei governi tedesco e francese perché non stanno guidando la risposta occidentale a questa guerra e, di fatto, stanno ancora esitando", ha affermato Loss ; mentre gli Stati Uniti, il Regno Unito e i paesi dell'Europa orientale, tra cui Polonia e Paesi baltici, sono visti come coloro che forniscono all'Ucraina il supporto di cui ha bisogno per difendersi.

"Questo è esattamente ciò che sta affondando il sostegno europeo a qualsiasi idea di sovranità nella difesa comune, perché chi guiderebbe un tale sforzo se non fossero Francia e Germania che in questo momento non riescono a far valere il loro peso?", ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli