Come non confondere influenza e Coronavirus: la differenza nei sintomi

I contagiati da Coronavirus hanno superato le 12mila unità, ma molti italiani sono costretti a letto con l’influenza e la paura di non riconoscere la differenza tra i sintomi aumenta: come agire per evitare casi di “sovrapposizione” e arginare la psicosi?

Esistono alcune diversità tra la comune influenza di stagione e l’infezione virale originata dalla Cina e che ieri l’OMS ha classificato come pandemica. Stando al medico francese Gérald Kierzek, intervistato da LCI, “entrambi sono sindromi virali, che più o meno causano febbre, tosse, dolori muscolari e affaticamento”, tuttavia “l’influenza – ha proseguito il medico – ha comunque un inizio probabilmente più brutale, con febbre alta e forti dolori”.

Sul Coronavirus ha specificato invece che la” febbre sembra più moderata tanto che i pazienti non sono costretti a letto come nel caso dell’influenza”. Le difficoltà respiratorie, poi, possono aggravarsi a seconda del quadro clinico del singolo paziente. Foto@Shutterstock